email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Repubblica Ceca

Karlovy Vary, ecco gli europei in concorso

di 

Karlovy Vary, ecco gli europei in concorso

L’Europa domina il programma del 46° Karlovy Vary International Film Festival (1–9 luglio).

Il festival ceco sarà aperto da Jane Eyre [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Cary Fukunaga, con Judi Dench, premiata quest’anno con il Crystal Globe per il Contributo Artistico al Cinema Mondiale.

Dei 12 film in competizione, otto sono europei:

Cracks In The Shell [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del tedesco Christian Schwochow, proposto in World premiere, è la storia di una neo-attrice introversa che si crea una nuova identità seducente e pericolosa.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Don't Be Afraid [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Montxo Armendáriz
scheda film
]
dell’affermato regista spagnolo Montxo Armendáriz è il racconto toccante di un abuso: l’infanzia di una bambina di sei anni termina quando si ritrova nelle mani dell’affettuoso papà.

Gypsy [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
, co-produzione ceco-slovacca di Martin Šulík, in World premiere, narra la vicenda di un ragazzo rom che tenta di superare l’isolamento e i pregiudizi sociali.

Heritage del polacco Andrzej Barański parla di un giovane che torna al suo sperduto villaggio dopo l’espulsione da una scuola legale.

La co-produzione italo-francese Il gioiellino [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Andrea Molaioli ricostruisce uno scandalo finanziario che coinvolge una grande compagnia alimentare, ispirato al caso del gigante del latte Parmalat.

Lollipop Monster del tedesco Ziska Riemann è la storia di due donne la cui amicizia è minacciata dal tradimento.

Dalla Francia, Not for Sale Not for Rent [+leggi anche:
trailer
intervista: Denis Delcampe
intervista: Pascal Rabaté
scheda film
]
di Pascal Rabaté è una originale commedia che descrive il fine settimana della gente comune.

In anteprima mondiale, la co-produzione danese-croata Room 304 [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Birgitte Stærmose si svolge in tre giorni, in un hotel di Copenhagen, e ruota intorno ad un misterioso colpo di pistola.

Il concorso East of the West di Karlovy Vary presenta sette film europei: Belvedere di Ahmed Imamović (Bosnia-Herzegovina), George The Hedgehog di Wojtek Wawszczyk, Jakub Tarkowski e Tomasz Leśniak (Polonia), Marija’s Own di Željka Suková (Croazia), Nothing Against Nothing di Petr Marek (Repubblica Ceca), Punk's Not Dead di Vladimír Blaževski (Macedonia, Serbia), Sneakers di Ivan Vladimirov e Valery Yordanov (Bulgaria) e Visible World di Peter Krištúfek (Slovacchia).

Il concorso Forum of Independents include quattro titoli europei — He di Sasha Matijević (Paesi Bassi-Serbia), Maybe Tomorrow di Mariken Halle (Svezia), Weekend di Andrew Haigh (Regno Unito) e The Soul of Flies di Jonathan Cenzual Burley (Spagna) — oltre a tre co-produzioni europee, Man Without A Cell Phone (Francia-Palestina-Israele-Belgio-Qatar), The Pier (Irlanda-USA) e Stranger Things (USA-Regno Unito).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy