email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Francia

La guerre est déclarée trionfa a Cabourg

di 

La guerre est déclarée trionfa a Cabourg

Attrazione principale dell'ultima Settimana della Critica cannense, il formidabile La guerre est déclarée di Valérie Donzelli (leggi l’articolo) si è aggiudicato sabato scorso il Gran Premio del 25mo Festival di Cabourg. Il film, che parteciperà alla competizione dell'edizione 2011 di Paris Cinéma (dal 2 al 13 luglio), sarà lanciato in Francia il 31 agosto da Wild Bunch Distribution.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Una menzione speciale è stata attribuita dalla giuria presieduta dal regista Radu Mihaileanu al lungometraggio norvegese Happy happy [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Anne Sewitsky, già vincitore al Sundance (news). Il premio del pubblico è andato invece a Et maintenant on va où? di Nadine Labaki (leggi l'articolo sulla sua presentazione al Festival di Cannes), con un premio "coup de foudre" per Si tu meurs, je te tue [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Hiner Saleem. Dal canto suo, la giuria giovane ha scelto la coproduzione canadese-italiana La versione di Barney [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Richard J. Lewis. (presentato in concorso a Venezia - leggi l’articolo)

Il premio della miglior attrice è andato a Isabelle Carré per la sua performance in Les Émotifs anonymes [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
di Jean-Pierre Améris, mentre lo Swann d'Oro del miglior attore è stato attribuito a Jean Dujardin per il suo ruolo in Un Balcon sur la mer [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Nicole Garcia. Si segnala anche lo Swann d'Oro del miglior regista a Patrice Leconte per Voir la mer [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, che è valso a Pauline Lefèvre anche il titolo di rivelazione femminile. Infine, lo Swann d'Oro del film romantico ha ricompensato Les yeux de sa mère [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Thierry Klifa, mentre il premio della rivelazione maschile è andato a Raphaël Personnaz per La Princesse de Montpensier [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Bertrand Tavernier.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy