email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Belgio

Tanti titoli belgi al World Film Festival di Montreal

di 

Tanti titoli belgi al World Film Festival di Montreal

Il 35mo World Film Festival di Montreal si terrà dal 18 al 28 agosto. Il Belgio vi sarà ampiamente rappresentato, con sei lungometraggi maggioritari e due coproduzioni in programma.

In competizione mondiale, il pubblico canadese potrà scoprire l'intrigante Hasta La Vista [+leggi anche:
trailer
intervista: Geoffrey Enthoven
scheda film
]
, quinto lungometraggio di Geoffrey Enthoven (Vidange perdue [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
). Il regista si è ispirato alla storia vera di Asta Philpot (già oggetto di un documentario prodotto dalla BBC) per raccontare il viaggio di tre giovani handicappati alla ricerca dell'amore in Spagna.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Sempre in competizione mondiale, ma tra le opere prime, figurano due produzioni francofone. Elle ne pleure pas, elle chante [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
è il primo lungometraggio di Philippe de Pierpont, conosciuto per la sua produzione documentaria. Il film segue la presa di coscienza aspra e sconvolgente di una giovane donna che si riconcilia con il suo passato sul letto di morte del padre incestuoso in coma. Il film è prodotto da Iota Production.

Opera prima è anche De leur vivant di Hélicotronc e Géraldine Doignon, altra storia di famiglia, quella di un padre vedovo che non riesce più a comunicare con i suoi tre figli adulti. Infine, questa competizione accoglierà anche il primo lungometraggio di Bavo Defurne, Nordzee, Texas, racconto di formazione tratto dal romanzo di André Sollie: la storia di Pim, trascurato dalla madre, che scopre di preferire i ragazzi, soprattutto Gino, bellezza selvaggia e motociclista temerario.

Fuori concorso, il Festival proporrà Fils Unique, terzo film (in francese) del regista fiammingo Miel Van Hoogenbemt, che vede Laurent Capelluto e Patrick Chesnais affrontarsi in un inedito duello padre-figlio, e le coproduzioni francesi Les Yeux de sa mère [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Thierry Klifa e Où va la nuit? [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Martin Provost. Si segnala infine la selezione di sette cortometraggi, e il documentario di Manno lanssens, Slot.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy