email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Italia

Bernardo Bertolucci ricomincia da Io e te

di 

Bernardo Bertolucci ricomincia da Io e te

"Dopo molti anni si ricomincia dall’inizio". Se a dirlo è il maestro che ha firmato Ultimo tango a Parigi, Novecento, L'ultimo imperatore, The Dreamers [+leggi anche:
trailer
intervista: Bernardo Bertolucci
scheda film
]
, c'è da credergli. Perché Bernardo Bertolucci, che lunedi 10 ottobre comincia a Roma le riprese del suo nuovo film Io e te, ha certamente, a 71 anni suonati, la capacità di rinnovarsi.

Fresco di Palma d'Oro alla carriera all'ultimo Festival di Cannes (il Leone d'oro alla carriera al Festival di Venezia l'aveva ricevuto nel 2007) Bertolucci ha deciso di misurarsi con l'adattamento cinematografico del romanzo omonimo del 45nne Niccolò Ammaniti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Sceneggiato dallo stesso regista con Niccolò Ammaniti, Umberto Contarello e Francesca Marciano, Io e te racconta di Lorenzo, un quattordicenne solitario e problematico nei suoi rapporti con la famiglia e con il mondo che lo circonda, che sceglie di passare la settimana bianca nascosto nella cantina di casa sua.

"È la prima volta che faccio un film da una storia che mezzo milione di persone hanno appena letto o stanno ancora leggendo. Mi chiedo se tra i misteri di quella cantina ce n’è qualcuno che Ammaniti ci ha nascosto", dichiara Bertolucci.

I giovani protagonisti scelti da Bertolucci tra centinaia di candidati, dopo tre mesi di provini, sono Jacopo Olmo Antinori (foto), nella parte di Lorenzo, e Tea Falco (foto), che sarà Olivia, la sorellastra, fragile e ribelle, che si materializza nel rifugio del fratello a turbarne la quiete.

Il film è prodotto da Fiction e da Mario Gianani in collaborazione con Medusa Film che lo distribuisce in Italia. La distribuzione internazionale sarà invece curata dalla HanWay Films di Jeremy Thomas. Al fianco di Bertolucci, Fabio Cianchetti per la fotografia, Metka Kosak per i costumi, Jean Rabasse per le scene, Jacopo Quadri per il montaggio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy