email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FINANZIAMENTI Spagna

Tre progetti spagnoli ricevono l'aiuto alla coproduzione di Ibermedia

di 

Tre progetti spagnoli ricevono l'aiuto alla coproduzione di Ibermedia

Il Programma Ibermedia ha annunciato la settimana scorsa gli 81 progetti cinematografici che riceveranno fondi nell'ambito del secondo bando di concorso 2011, ripartiti tra coproduzione (che con 27 progetti si aggiudica gran parte degli aiuti), sviluppo, consegna, distribuzione ed esercizio.

Di questi 27 progetti, tre sono stati presentati da compagnie spagnole. Il primo, prodotto da Pedro Costa PC insieme a due specialiste della coproduzione con l'America Latina, Tornasol Films e Castafiore Films, e l'argentina Sono Film, si intitola Atraco. Diretto da Eduard Cortés, sarà un thriller a tinte politiche ambientato negli anni '50 tra Spagna e vari paesi d'America.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Miel de naranjas, una coproduzione di Alta Producción (Enrique González Macho) con la portoghese Fado Filmes, segna il ritorno alla regia di Imanol Uribe, mentre il galiziano Continental Films (artefice della piattaforma di crowdsourcing Wecoop - leggi la news) produce il film d'animazione Brujerías, diretto da Virginia Curiá, con la brasiliana Otto Desenhos Animados.

Inoltre, tre progetti - il venezuelano La distancia más larga, il portoghese Gelo e il messicano Miradas múltiples - potranno contare sulla partecipazione di case di produzione spagnole (rispettivamente Castro Producciones, Potenza PC e Comunicación Fractal).

L'obiettivo di Ibermedia, che raggruppa 18 paesi, è gettare le basi per uno spazio audiovisivo iberoamericano, incentivando la coproduzione, distribuzione ed esercizio di film per il cinema e la televisione in lingua spagnola e portoghese, e ampliando la presenza della produzione audiovisiva iberoamericana nei mercati internazionali. Finanziato dai paesi membri, il programma soffre al momento le conseguenze dei tagli economici (il contributo dell'ICAA, ad esempio, è passato da 400.000 euro nel 2007 a 74.000 nel 2011) e, a partire dal 2012, sopprimerà le linee di esercizio e consegna, riformulerà la distribuzione e indirà un solo bando all'anno.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy