email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Norvegia

Filmfest Oslo torna nel 2013 con un accento sul cinema locale

di 

- Dopo i feedback positivi di industria e pubblico, gli organizzatori del nuovo festival di Oslo decidono di continuare

Filmfest Oslo torna nel 2013 con un accento sul cinema locale

Dopo la proiezione di 50 film in cinque giorni e in cinque sale (Folketeateret, Ringen, Eldorado, Klingenberg, Gimle –29 febbraio- 4 marzo) durante il primo Filmfest Oslo, il direttore dell’evento, Arild Støfring (in foto) ed il responsabile della programmazione Morten Steingrimsen (in foto) hanno ricevuto "feedback così positivi dal pubblico — oltre 13.000 — e dall’industria” che torneranno ancora nel 2013.

“Tutti hanno detto che il festival ha rafforzato la posizione di Oslo sulla mappa del cinema nordico, sia per la selezione che per gli ospiti, come piattaforma di lancio dei nuovi film locali. Così, dopo ulteriori valutazioni e discussioni con i nostri partner, annunceremo i piani per il prossimo anno”, ha spiegato Støfring.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tra gli ospiti presenti c’erano l’attore Premio Oscar britannico Ben Kingsley e l’autore statunitense Brian Selznick (Hugo Cabret di Martin Scorsese), il regista norvegese Petter Næss, il produttore danese Peter Aalbæk Jensen ed il team composto da Florian Lukas, David Kross, Rupert Grint, Lachlan Nieboer e Stig Henrik Hoff di Into the White [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Næss.

Erano presenti anche i registi danesi Kathrine Windfeld e Peter Flinth, con i loro nuovi film svedesi Agent Hamilton: In the Interest of the Nation [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
e Nobel’s Last Will [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Henning Carlsen (con il film danese/messicano, tratto da Gabriel García Márquez, Memories Of My Melancholy Whores), Mads Brügger (The Ambassador), il regista finlandese Timo Vuorensola ed il produttore Tero Kaukomaa (Iron Sky [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Timo Vuorensola
intervista: Timo Vuorensola
scheda film
]
).

Nel corso di Filmfest, la regista norvegese Sara Johnsen ha ricevuto presso il Gimle Kino il Premio alla Carriera Arne Skouen, riconoscimento annuale del valore di 13.500 euro assegnato da Norwegian Film Institute, dai Cinema Municipali di Oslo e dal distributore locale SF Norge AS.

”Nei suoi film, Johnsen ha mostrato un talento speciale e una sua voce personale”, ha dichiarato la giuria, che ha aggiunto che il suo nuovo film, All That Matters Is Past [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
sarà uno dei titoli più importanti dell’anno fra le nuove uscite norvegesi.

Prodotto da Turid Øversveen per 4½ Fiksjon, il film da 3.8 milioni di euro con Maria Bonnevie e Kristoffer Joner racconta il fatale incontro fra due ex-amanti — in autunno, nella foresta, un canoista trova Janne (Bonnevie) debole ma ancora viva, accanto ai corpi di due uomini.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy