email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Spagna

Il nuovo progetto di Manuel Martín Cuenca all'Atelier di Cannes

di 

- Caníbal, quarto lungometraggio di finzione del regista di Almeria, sarà prodotto da La Loma Blanca e Mod Producciones

Il nuovo progetto di Manuel Martín Cuenca all'Atelier di Cannes

Dopo la buona accoglienza ricevuta sul mercato internazionale dal dramma La mitad de Oscar [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
(2010), presentato a Toronto, il nuovo progetto del regista di Almeria Manuel Martín Cuenca (foto), Caníbal, parteciperà al prestigioso forum di coproduzione del Festival di Cannes, l'Atelier della Cinéfondation. Il progetto, ancora in fase di sviluppo, sarà prodotto dalla compagnia del regista, La Loma Blanca, insieme con Mod Producciones.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Caníbal, che sarà il quarto film di finzione di Martín Cuenca dopo La flaqueza del bolchevique (2003), Malas temporadas (2005) e il summenzionato La mitad de Oscar, è l'unico progetto spagnolo presente all'edizione di quest'anno dell'Atelier e approda a Cannes dopo aver partecipato al Cinemart di Rotterdam a gennaio e ai mercati Paris Project e Small is Beautiful nel 2011.

La sceneggiatura, su cui stanno lavorando Martín Cuenca e Alejandro Hernández, ruota attorno alla dialettica tra male e amore, e si interroga sulla capacità di redenzione di quest'ultimo. Il protagonista è un sarto di Granada di nome Carlos. E' il migliore della città, un uomo rispettabile. La sua vita è lavorare e mangiare, ma non qualsiasi cosa: Carlos è cannibale. Un giorno, una donna dell'Europa dell'est di nome Nina entra nella sua vita. E' la sorella gemella di una donna che ha divorato. Da quel momento, tutto cambierà per Carlos.

Martín Cuenca avrà con Caníbal la possibilità di lavorare con Mod Producciones, che dalla sua fondazione nel 2007 si è consolidata come una delle case di produzione più importanti di Spagna, grazie al suo respiro internazionale, la combinazione di nomi affermati (Amenábar, Alejandro G. Iñárritu, Sánchez Arévalo) e nuovi talenti (Oskar Santos, Ruiz Caldera), e il suo eclettismo riguardo ai generi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy