email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2012 Mercato / Francia

Tris d'assi per Kinology

di 

- Line-up molto promettente per la società di vendite parigina, con Cosmopolis in concorso, The We and the I alla Quinzaine e Augustine alla Semaine

Tris d'assi per Kinology

Con tre titoli in vetrina nelle diverse selezioni cannensi, la società parigina di vendite internazionali Kinology, guidata da Grégoire Melin, figura tra i grandi potenziali vincitori del prossimo Marché du Film del 65mo Festival di Cannes (dal 16 al 27 maggio 2012).

Kinology completerà le vendite, già ben avviate, della coproduzione canado- francese Cosmopolis [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(foto) di David Cronenberg (articolo), che sarà proiettato ufficialmente in competizione venerdì 25 maggio. La struttura francese sarà sotto i riflettori anche con la produzione americana The We and the I [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del francese Michel Gondry (news), che aprirà giovedì 17 maggio la Quinzaine des réalisateurs. Infine, la line-up Kinology propone Augustine [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Alice Winocour (articolo), che sarà svelato in proiezione speciale alla Settimana della Critica.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Al mercato, è in programma un promo esclusivo di Le plan parfait (Fly me to the Moon) di Pascal Chaumeil (leggi l’articolo - con Dany Boon e Diane Kruger) e Plan de table [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
(Perfect Match(es) ) di Christelle Raynal farà la sua première, mentre Wrong [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Quentin Dupieux (articolo) sarà proiettato nuovamente.

Kinology proseguirà inoltre le pre-vendite di diversi titoli in post-produzione, come Mariage à Mendoza (Welcome to Argentina) di Edouard Deluc (articolo), Ce que le jour doit à la nuit (What the Day Owes the Night) di Alexandre Arcady e Je me suis fait tout petit (Low Profile) di Cécilia Rouaud (con Denis Ménochet e Vanessa Paradis), senza dimenticare i lungometraggi in produzione tra cui il documentario Terre des ours 3D (Land of the Bears) di Guillaume Vincent e il film d’animazione di fantascienza ecologista Mune del duo Alexandre Heboyan - Benoît Philippon.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy