email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2012 Concorso

Cosmopolis: l’apocalisse del capitale

di 

- David Cronenberg realizza un film oscuro e ipnotico sulla crisi economica e la fine di un mondo immerso nel caos

Cosmopolis: l’apocalisse del capitale

Per il suo 20mo lungometraggio, il regista canadese David Cronenberg ha scelto di adattare un'opera dello scrittore Don DeLillo, noto per i suoi universi oscuri e i fiumi di parole che trascinano il lettore nel caos. I due autori sono campioni del profetismo malsano che mescola il fantastico con la filosofia, e il festival di Cannes ha celebrato il loro incontro con la selezione di Cosmopolis [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
nella competizione ufficiale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cosmopolis è il racconto ipnotico di una giornata nella vita di un golden boy sul punto di cedere il suo impero alla crisi economica. Con una febbrile nonchalance, attraversa una New York in preda al caos, protetto dall'abitacolo della sua limousine high tech e insonorizzata. Il capriccio del giorno? Un taglio di capelli dall'altra parte della città paralizzata dalla polizia e dalle proteste. Questa odissea al ralenti è ritmata dagli incontri con sua moglie, la sua amante, i suoi collaboratori e qualche nemico che lo porterà al punto di non ritorno.

Cronenberg ama sorprendere. Da un'opera all'altra, la sua filmografia segue una curva asintotica affascinante. Il suo cinema è unico e continua a reinventarsi sulla base di alcune tematiche fondamentali: violenza, assurdità e fantascienza al servizio di una perenne esplorazione della condizione umana. Ma come adattare un racconto così criptico che può essere interpretato in mille modi? Compito non troppo arduo per il regista che aveva già saputo fare del suo adattamento de Il pasto nudo un'opera completa, potente, sviante e fedelmente evocatrice dell'assurdo monumento originale. Di fedeltà si può parlare anche in questo caso giacché l'adattamento è anch'esso verboso, talvolta snervante, ma sempre sviante.

Cosmopolis è una favola apocalittica sulla cancrena della finanza e del capitalismo. La lotta di classe è schiacciata dal lento rullo compressore in fondo a una pentola in ebollizione. Tutto bolle, dal semplice simbolo (limousine, graffiti, torte in faccia…) alle teorie matematiche passando per i tanti discorsi astrusi. Quanto al cast, Robert Pattinson si rivela una scelta interessante, ma le esigenze del suo ruolo non gli permettono di differenziare il talento dalle qualità fisiche, e come attore dovrà cogliere un'altra occasione — più convenzionale — per dar veramente prova di sé.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy