email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FINANZIAMENTI Francia

Canal + si difende a Digione

di 

- Manuel Alduy, responsabile cinema del gruppo, ha risposto sulla delicata questione della concentrazione dei finanziamenti

Canal + si difende a Digione

Doveva dibattere con due importanti produttori indipendenti, ma alla fine si è ritrovato da solo sul palco dei 22mi Incontri Cinematografici organizzati a Digione dall’ARP (società civile degli Autori-Registi-Produttori). Così, Manuel Alduy (foto), responsabile cinema di Canal+, ha dialogato con la delegata generale e con uno dei vice-presidenti dell'ARP (Florence Gastaud e il regista Jean-Paul Salomé - leggi l’intervista sull'argomento) che per l'occasione hanno indossato le maschere di Anonymous. Come a dire che la prudenza è d'obbligo quando si discute di eventuali disfunzioni nel sistema di pre-acquisti di film da parte di Canal +, sospettata di favorire una certa concentrazione dei finanziamenti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Secondo Manuel Alduy, l’accusa è falsa. "L’elemento nuovo è che ci sono tanti progetti e nuovi arrivi tra produttori e registi, per un numero di pre-acquisti alquanto stabile. Riceviamo un numero maggiore di progetti cari e mediamente cari perché c'è più concorrenza sui film ambiziosi e certi distributori vogliono film che creino l'evento. La pressione sui film più fragili, in mezzo a quelli costosi, è quindi forte. Negli ultimi anni abbiamo valutato gli importi dei pre-acquisti indipendentemente dalla taglia dei film. Alcuni professionisti ci dicono che sarebbe meglio aumentare il numero dei pre-acquisti, ma questo avrebbe conseguenze sul livello medio dei pre-acquisti. E' più facile dire sì che no, ma non bisogna impoverirsi".

Il responsabile cinema di Canal +, nel sottolineare che "i produttori abituati a produrre grossi budget fanno fatica a farlo a meno", ha anche evidenziato la nascita di una bolla d'inflazione su una trentina di progetti che potrebbero interessare TF1 e M6. Ha anche ricordato che non tutti i film possono sostenere lo choc del prime-time e che pre-acquistare per trasmettere di notte non serve a nessuno. "Ogni anno, Canal + ha bisogno di una dozzina di film-evento. Alcuni non sono cari, ma la maggior parte costa molto. Ma non abbiamo scelta: la verità è che abbiamo bisogno di questi titoli per competere con il cinema americano".

Proprio sulla questione dei film di medio budget e di un certo tipo di cinema i cui progetti non sarebbero ben accetti da Canal + (è quanto pensano i rappresentanti delle associazioni di produttori indipendenti presenti a Digione), Manuel Alduy ha rigettato fermamente l'argomento sul piano del numero di pre-acquisti (stabile secondo le categorie di budget) e ha sottolineato che i film di medio budget sono i più fragili anche su altre fonti di finanziamento. Ma ha anche ricordato alcune verità fondamentali: "Lo storico del box-office dei gruppi o dei distributori indipendenti è un fattore molto favorevole nella valorizzazione del progetto che porta il produttore", "i rapporti produttore-canale TV sono necessariamente diversi tra i produttori che hanno tre progetti all'anno e quelli che ne hanno uno ogni due anni, ma anche rispetto ai produttori che si prendono il rischio di far uscire i film nelle sale".

La questione di un'eventuale concentrazione dei finanziamenti non è stata chiarita fino in fondo. Non c'è fumo senza fuoco, si suol dire, ma anche la strategia di Canal + è da prendere in considerazione, considerato il suo ruolo fondamentale nel finanziamento del cinema francese. Il solo fatto di aver reso pubblico questo dibattito farà sicuramente riflettere i diversi protagonisti.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.