email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

USCITE Belgio

Tango Libre: Frédéric Fonteyne in libertà

di 

- Il regista coinvolge François Damiens in un sorprendente quartetto amoroso, in un'ode tragicomica alla libertà ambientata in una prigione, sulle note del tango argentino

Tango Libre: Frédéric Fonteyne in libertà

Esce oggi nelle sale belghe Tango Libre [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Frédéric Fonteyne
scheda film
]
, il nuovo film di Frédéric Fonteyne, a dir poco attesissimo. La Femme de Gilles [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, l'ultimo lungometraggio del regista, risale infatti al 2004.

All'epoca, quel progetto ambizioso sostenuto da un cast prestigioso (Clovis Cornillac, Emmanuelle Devos e Laura Smet) ricevette un'accoglienza tiepida da parte del pubblico, che non si lasciò sedurre da quel melodramma amoroso, variazione molto classica di un adattamento letterario. Appresa questa lezione, Fonteyne è sembrato voler ritrovare leggerezza e libertà con Tango Libre. JC, guardia carceraria, non sa più dove sbattere la testa tra la sua partner di tango, suo figlio e i due uomini della sua vita, che sono sotto la sua sorveglianza, essendo detenuti nel penitenziario dove lavora.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tango Libre è un film sulla libertà di amare, ma anche sulla libertà di creare la propria famiglia d'elezione, oltre a quella di sangue. Mentre i personaggi, a turno, eseguono i loro passi di tango, ci si rende conto che il prigioniero non sempre è quello che sembra, e che le sbarre non stanno solo alle finestre delle carceri. Ma la libertà sta anche nel tono adottato da Frédéric Fonteyne, oscillante tra dramma e commedia. Il regista non fa alcuna scelta di campo. O piuttosto, sceglie di non scegliere, di non rientrare in una casella. Una scelta audace, tanto più che rischia di lasciare lo spettatore a margine della strada intrapresa da JC (interpretato da François Damiens) e dalla sua nuova famiglia.

Tango Libre è prodotto da Patrick Quinet e Artemis Production, fedeli compagni d'avventura, in collaborazione con Samsa Films, Une liaison cinématographique e Minds Meet, con il sostegno del CCA, del Fondo Spa, del VAF e di Wallimage. Il film è distribuito da Cinéart in 8 copie.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy