email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Spagna

Il MUCES riflette sul cinema europeo

di 

- Il festival segoviano è l'unico in Europa ad aver presentato i dieci film pre-selezionati per il Premio LUX del Parlamento europeo

Il MUCES riflette sul cinema europeo

A partire da settembre e dalle Giornate degli Autori (Venice Days, sezione indipendente della Mostra di Venezia), diverse manifestazioni cinematografiche europee hanno presentato le tre pellicole finaliste alla sesta edizione del Premio LUX del Parlamento europeo. Ma la Mostra del Cinema Europeo di Segovia (MUCES), in corso fino al 20 novembre nella città castigliana, è l'unico festival ad aver mostrato anche gli altri sette film candidati che non hanno passato l'ultima selezione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Pertanto, insieme ai tre finalisti (il portoghese Tabu [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Miguel Gomes
intervista: Miguel Gomes
scheda film
]
di Miguel Gomes, l'ungherese Just the Wind [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Bence Fliegauf
scheda film
]
(foto) di Bence Fliegauf e l'italiano Io sono Li [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrea Segre
intervista: Andrea Segre
scheda film
]
di Andrea Segre) sono stati proiettati Our Children [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Joachim Lafosse
scheda film
]
(Belgio, Francia, Lussemburgo, Svizzera) di Joachim Lafosse, Barbara [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Christian Petzold
scheda film
]
(Germania) di Christian Petzold, Cesare deve morire [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Paolo e Vittorio Taviani
scheda film
]
(Italia) di Paolo e Vittorio Taviani, Crulic: The Path to Beyond [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Anca Damian
scheda film
]
(Romania, Polonia) di Anca Damian, Buon anno, Sarajevo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Aida Begić
scheda film
]
(Bosnia-Herzegovina, Germania, Francia, Turchia) di Aida Begic, Sister [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ursula Meier
scheda film
]
(Francia, Svizzera) di Ursula Meier e Louise Wimmer [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(Francia) di Cyril Mennegun.

Inoltre, il festival segoviano ha organizzato lo scorso venerdì 16 novembre un dibattito sull'identità del cinema europeo per RNE. Tra i partecipanti, Ignacio Samper, direttore dell'ufficio del Parlamento europeo in Spagna, che ha sottolineato l'importanza di un “nostro cinema di qualità, d'autore, di valori”. Quanto alle pellicole selezionate dal comitato del Premio LUX, ha sottolineato che si tratta di “un cinema che abbraccia la nostra vita quotidiana. Ogni giorno, ognuno di noi vede scene come quelle che incontriamo nei film finalisti”.

Dal canto suo, Rosario Alburquerque, vicedirettrice generale di Promozione e Relazioni Internazionali dell'ICAA, ha parlato dei requisiti affinché una produzione sia considerata spagnola o europea secondo i sistemi di punteggio rispettivamente dell'ICAA e di Eurimages, e ha insistito sulla missione incompiuta del cinema europeo: la circolazione delle opere nel suo territorio.

All'incontro hanno partecipato anche il direttore della manifestazione, Eliseo de Pablos, l'ungherese Clara Farkas, della Fondazione Cinema d'Ungheria, il produttore spagnolo Pedro Hernández (Aquí y allá [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pedro Hernández
scheda film
]
), la regista lituana Kristina Bousyte (Vanishing Waves [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Kristina Buozyte
scheda film
]
) e l'attore portoghese Manuel Mesquita (Tabu).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy