email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Belgio

Il Be Film, un festival perfettamente bilingue

di 

- Il Be Film Festival offre in questo fine 2012 un allegro (ma non sempre) mélange di film fiamminghi e francofoni che hanno fatto notizia quest'anno

Il Be Film, un festival perfettamente bilingue

Si apre oggi a Bruxelles la settima edizione del Be Film Festival. Creato nel 2005, questo festival approfitta delle feste per proporre una retrospettiva di film belgi usciti durante l'anno passato. Belgi, senza specificazione linguistica, giacché la manifestazione rivendica il suo carattere bicomunitario, attraverso la volontà dichiarata di mischiare le produzioni del Nord, del Sud e del Centro del paese. Per cinque giorni, una ventina di lungometraggi (e una decina di corti) saranno presentati, tutti usciti l'anno scorso, con in più tre anteprime.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Film da recuperare, quindi, per chi si è perso capolavori come A perdre la raison [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Joachim Lafosse
scheda film
]
di Joachim Lafosse, in lizza per l'Oscar del miglior film straniero, o lo sconvolgente Tot altijd [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Nic Balthazar, sulla lotta per il diritto all'eutanasia. L'anno scorso, il cinema belga ha ampiamente attinto a fatti realmente accaduti, come nel caso di Lafosse e Balthazar. Con 38 Témoins [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Lucas Belvaux dà la sua interpretazione dell'omicidio di Kitty Genovese, che scosse gli Stati Uniti negli anni '60. In Little Black Spiders [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Patrice Toye racconta un fatto di cronaca che sconvolse il Belgio, immergendosi nel cuore delle Fiandre degli anni '70, in un istituto che accoglie in segreto giovani donne incinte e le fa partorire in anonimato, spesso loro malgrado, in un ospedale oltre la vicina frontiera.

In un registro più leggero, ritroviamo Mobile Home [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di François Pirot, uscito la scorsa estate, commedia generazionale sull'arte (o piaga?) del procrastinare, e Groenten uit Balen, ritratto di una comunità operaia in sciopero. Si prevede inoltre un'ondata di risate, e di sorrisi amari, con l'anteprima di Au nom du fils (lett. nel nome del figlio), pamphlet anticlericale di Vincent Lannoo, che mette in luce, in questo periodo di feste, una profonda crisi di fede.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy