email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

USCITE Germania

Vampiri, un Orso e due imperatori sotto l’albero di Natale

di 

- Ancora qualche sorpresa in serbo prima della fine dell’anno: la storia delle sorelle vampire di Wolfgang Groos, l'Orso d’oro dell’anno e la biografia di Ludovico II di Peter Sehr e Marie Noëlle

Vampiri, un Orso e due imperatori sotto l’albero di Natale

Sony Pictures ha voluto fare un ultimo regalo ai piccoli tedeschi prima della fine dell’anno: Die Vampirschwestern [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 di Wolfgang Groos arriva sugli schermi, una produzione Claussen + Wöbke + Putz che mescola la dimensione sanguinolenta delle storie di vampiri con un grande umorismo di situazione: la famiglia Tepes, composta da un papà vampiro (Stipe Erceg), una mamma umana (Christiane Paul) e le loro figlie Dakaria e Silvania, 12 anni, una bruna coi capelli corti, l’altra rossa coi capelli lunghi, lasciano la Transilvania per una vita più "normale" in Germania. Ma non è facile per le due sorelle stare a scuola senza volare, e ancora più difficile è farsi degli amici.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Warner ha in serbo un titolo di altro genere, adatto al periodo natalizio: l’affresco storico di 143 minuti Ludwig II [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, scritto e diretto da Peter Sehr e sua moglie Marie Noëlle. Questa coproduzione franco-tedesco-austriaca portata da Bavaria vede Sabin Tembrea e Sebastian Schipper nel ruolo principale (a diverse età) e Hannah Herzsprung in quello dell’imperatrice Sissi.

Camino ha atteso che sia passata la fine del mondo per offrire al pubblico tedesco un film d’oro: il vincitore dell’Orso all’ultimo Festival di Berlino, Cesare deve morire [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Paolo e Vittorio Taviani
scheda film
]
di Paolo e Vittorio Taviani.

Anche Filmgalerie 451 non ha bruciato tutte le sue carte. La società di produzione e distribuzione lancia il film per adolescenti Weil ich schöner bin di Frieder Schlaich, che si ispira a una storia vera e ha come protagonista un’immigrata clandestina colombiana di 13 anni che si è troppo affezionata alla sua vita berlinese per andarsene.

Gli altri film europei che chiudono l’anno sono due documentari: la coproduzione anglo-svedese Searching For Sugar Man di Malik Bendjelloul, sulla morte del cantante Sixto Rodriguez (distr. Rapid Eye Movies), e il titolo anglo-tedesco sull’artista del vento e dell’acqua Susumu Shingu, Breathing Earth di Thomas Riedelsheimer (distr. Piffl). 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy