email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PERSONAGGI Danimarca

Niente Oscar per Nikolaj Arcel, ma contratti per tre film americani

di 

- A Royal Affair non ha vinto l’Oscar, in compenso il suo regista ha siglato un accordo per girare tre film in America, fra i quali The Power of the Dog

Niente Oscar per Nikolaj Arcel, ma contratti per tre film americani

Il danese Nikolaj Arcel (in foto) non ha conquistato l’Oscar al Miglior Film Straniero, che è andato ieri (24 febbraio) all’austriaco Michael Haneke per Amour e non al suo A Royal Affair [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nikolaj Arcel
scheda film
]
— ma l’esercizio hollywoodiano ha comunque dato i suoi frutti: il regista ha infatti negoziato contratti per tre lungometraggi statunitensi.

“La mia collega Susanne Bier è tornata a mani vuote dalla sua prima nomination, ma ha vinto l’Oscar due anni dopo (In Un Mondo Migliore [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
). Tornerò anch’io, la competizione sarà diversa e magari avrò fatto un film migliore. Ho tutto il tempo”, ha dichiarato Arcel alla stampa danese.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Arcel, che attualmente vive a Los Angeles con lo sceneggiatore Rasmus Heisterberg, col quale sta lavorando allo script della serie tratta da Jussi Adler-Olsen per Zentropa Entertainments, aveva annunciato che il suo prossimo film sarebbe stato un adattamento dal romanzo bestseller dell’americano Don Winslow The Power of the Dog.

Il filmmaker ha chiuso altri due accordi con studios hollywoodiani per “film molto diversi, dei quali purtroppo non posso ancora parlare. Il mio agente mi ha detto che non dovrebbero essere thriller, perché The Power of the Dog era quello che volevo, e allora perché fare qualcosa di simile ma magari non così buono?”, ha aggiunto.

Il rivenditore danese TrustNordisk ha intanto venduto A Royal Affair al distributore italiano Academy Two, che “ha una grande tradizione nella distribuzione di candidati all’Oscar e vincitori come Mefisto, La moglie del soldato, Il mio piede sinistro e Il falsario - Operazione Bernhard”, secondo il DG Vania Traxler.

Prodotto da Louise VesthSisse Graum JørgensenMeta LouiseFoldager per Zentropa Entertainments, il dramma storico ha venduto 528.000 biglietti in patria, e infranto i record di uscita di un film danese nel Regno Unito, in Australia e Francia. TrustNordisk ha siglato accordi di distribuzione con oltre 80 paesi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy