email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

USCITE Francia

Möbius: nome in codice Moïse

di 

- Il premio Oscar Jean Dujardin torna sugli schermi nell'ambizioso film di Eric Rochant. In uscita anche Boule et Bill e Gli equilibristi

Möbius: nome in codice Moïse

Il "nastro di Möbius" è un anello con una sola faccia: se parti dall'interno arrivi all'esterno senza attraversare il nastro e senza saltare il bordo. Al cinema, le strutture di Lost Highway di David Lynch e di Timecrimes dello spagnolo Nacho Vigalondo sono state spesso accostate a questa figura topologica. Nel caso di Eric Rochant, che ha dato il titolo di Möbius [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
al suo nuovo film (news), lanciato oggi da EuropaCorp in 577 sale francesi, è la metafora di un intreccio che mischia l'universo dello spionaggio con una storia d'amore, incentrato sul destino di un'agente del FSB (servizi segreti russi) che viene reclutato dalla CIA.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ispirato a Notoriuos di Alfred Hitchcock, il lungometraggio si distingue per la sua ambizione internazionale sorretta da un cast di prima scelta (il premio Oscar Jean Dujardin, i belgi Cécile de France ed Emile Dequenne, il britannico Tim Roth) e una sceneggiatura complessa che vede l'agente russo Moïse reclutare e infiltrare un talentuoso trader nell'entourage di un oligarca sospettato di riciclaggio. Ma l'amore è dietro l'angolo, così come le classiche trappole ​​dello spionaggio mondiale. Un cocktail che ha sedotto parte della stampa francese, anche se il mix di generi (simbolizzato da un Dujardin-Grégory Lioubov che parla russo) e l'ampiezza smisurata del progetto hanno lasciato diversi critici scettici.

L’altra uscita massiccia (StudioCanal in 801 sale) di questo mercoledì è quella del titolo franco-belgo-lussemburghese Boule et Bill [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(articolo) del duo Alexandre Charlot - Franck Magnier, adattamento del fumetto omonimo incentrato sulle disavventure familiari di un ragazzino e del suo cane.

Il cinema europeo non nazionale riceve i favori della stampa con Gli equilibristi [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell'italiano Ivano De Matteo (scoperto a Venezia - recensione - Bellissima Films in 22 copie) e il racconto balcanico As If I Am Not There di Juanita Wilson (candidato irlandese all'Oscar 2012 - Aramis Films in cinque cinema).

Arrivano infine sugli schermi Week-end Royal [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
(Hyde Park on Hudson) del britannico Roger Michell (presentato a Toronto e miglior ruolo secondario femminile ai British Independent Film Awards - Diaphana Distribution in 156 copie), Zaytoun dell'israeliano Eran Riklis (coprodotto dal Regno Unito e dai francesi di Pathé, che guida l'uscita in 68 sale), l’eccellente documentario Bestiaire del canadese Denis Côté (coprodotto dalla Francia via Le Fresnoy - Contre-Allée Distribution in due cinema) e l'ultimo titolo che distribuisce MK2 prima di cessare la sua attività diretta di distribuzione: Ouf di Yann Coridian (articolo), un'opera prima affascinante con Eric Elmosnino, Sophie Quinton e Valeria Golino.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy