email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Paesi Nordici / Messico

Focus sul cinema nordico al Guadalajara Film Festival

di 

- Kon-Tiki dei norvegesi Joachim Rønning e Espen Sandberg non vince l’Oscar ma apre la 28^ edizione dell’evento, che celebra il cinema nordico con un programma speciale di 64 film

Focus sul cinema nordico al Guadalajara Film Festival

Kon-Tiki [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 dei norvegesi Joachim Rønning e Espen Sandberg ha perso l’Oscar al Miglior Film Straniero per meno di 20 voti — "Harvey Weinsten (distributore americano), Jeremy Thomas (produttore inglese) ed io contavamo sui supporter che sapevamo di avere, ma c’era però bisogno di qualcuno in più per vincere”, ha dichiarato l’agente americana del film Tatiana Detlofson.

Anche senza la statuetta, l’avventura sull’esploratore norvegese Thor Heyerdahl e i cinque scienziati che nel 1947 viaggiarono dal Sudamerica alla Polinesia su una zattera di legno aprirà oggi (1° marzo) il 28^ Guadalajara International Film Festival (FICG) in Messico, che vede quest’anno i paesi nordici come “ospiti d’onore".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il Responsabile Sviluppo e Produzione del Norwegian Film Institute, Ivar Køhn, introdurrà Kon-Tiki ai 15.000 presenti nella cerimonia di apertura del principale festival messicano e ibero-americano. I 64 film nordici totali includono i norvegesi 90 Minutes [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Eva Sørhaug, Jackpot [+leggi anche:
trailer
intervista: Magnus Martens
scheda film
]
di Magnus Martens, Turn Me On, Goddammit! [+leggi anche:
trailer
intervista: Jannicke Systad Jacobsen
scheda film
]
 di Jannicke Systad Jacobsen ed il documentario Liv & Ingmar di Dheeraj Akolkar.

La Danimarca contribuisce con il programma Where Is Dogme?, con Idioti di Lars von Trier, Festen di Thomas Vinterberg ed il documentario di Jesper Jargil The Purified, oltre al candidato all’Oscar A Royal Affair [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nikolaj Arcel
scheda film
]
di Nikolaj Arcel, A Hijacking [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tobias Lindholm
scheda film
]
di Tobias Lindholm, A Caretaker's Tale [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Katrine Wiedemann, e il premiato documentario The Act of Killing [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Joshua Oppenheimer.

La Svezia è rappresentata da 27 film — 13 della retrospettiva Jan Troell, chiusa dal suo ultimo film, The Last Sentence [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Troell riceverà il Premio FICG, insieme all’attrice spagnola Angela Molina e al messicano Ernesto Gómez Cruz. Altri titoli svedesi sono la trilogia Millennium di Niels Arden-Oplev e Daniel Alfredsson, Call Girl [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Mikael Marcimain, She Monkeys [+leggi anche:
trailer
intervista: Lisa Aschan
scheda film
]
 di Lisa Aschan e Ego di Lisa James Larsson.

La commedia del finlandese Mika Kaurismäki Road North [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 guida il contingente finlandese con Naked Harbour [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Aku LouhimiesSilence di Sakari Kirjavainen e Hush [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jyri Kähönen, e sono presenti anche due hit dei botteghini islandesi 2012, Black's Game [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 di Óskar Thór Axelsson e The Deep [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Baltasar Kormákur. Il Guadalajara International Film Festival si chiuderà il 9 marzo.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.