email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Croazia

Il Pula Film Festival presenta un record di 23 film nel concorso nazionale

di 

- Il 60° Pula Film Festival (13-27 luglio) presenterà ben 23 film in concorso, dieci dei quali co-produzioni di minoranza croate

Il Pula Film Festival presenta un record di 23 film nel concorso nazionale

Il Pula Film Festival, evento nazionale croato, è stato creato esattamente 60 anni fa come vetrina di cinema jugoslavi, e si tiene quest’anno dal 13 al 27 luglio presentando un totale di 23 lungometraggi in due sezioni competitive: 13 nella principale e dieci nella categoria co-produzioni di minoranza.

Il festival si aprirà con Handymen, settimo film di Dalibor Matanić, due volte vincitore del Golden Arena al Miglior Regista a Pola. La commedia su una moglie che ha problemi con gli uomini, e non solo il goffo marito, vede la partecipazione di Anita Ćurković, Nikša Butijer e Goran Bogdan ed è prodotto dallaCroatian Radio Television.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Due delle case di produzioni più prolifiche di Croazia, Kinorama e Interfilm, propongono rispettivamente tre e quattro film nella sezione principale.

Kinorama presenta il noir One Shot [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, debutto del regista e attore televisivo Robert Orhel, Hush [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, ispirato ad una storia vera, quinto film del regista e scrittore Lukas Nola e l’hit dei botteghini The Mysterious Boy (recensione) di Dražen Žarković, secondo capitolo della serie tratta dai popolari romanzi per ragazzi di Ivan Kušan. Il film ha raccolto circa 69.000 spettatori in 19 settimane di uscita.

Interfilm arriva con un hit ancora più grande,The Priest's Children [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Vinko Bresan
scheda film
]
di Vinko Brešan,(news) terzo di sempre nel paese per incassi con 158.000 spettatori. In termini commerciali, sono alte le aspettative per la commedia Cowboys [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
diTomislav Mršić, trattada uno spettacolo teatrale di enorme successo nel quale otto outsider cercano di mettere insieme una produzione teatrale.

Interfilm presenterà il debutto dello scrittore Dario Pleić, il thriller Not All About Money. Il candidato principale alla corsa ai premi della compagnia sembra essere Zrinko Ogresta, vincitore di seiGolden Arena, compresi i due al Miglior Film, col suoquinto lungometraggio Projections, dramma ambientato durante una delle sessioni dell’ultimo anno di un programma di terapia di gruppo per psicologi professionisti.

Un altro favorito è A Stranger [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Bobo Jelcic
scheda film
]
di Bobo Jelčić (news), produzione di Spiritus Movens proiettata in prima mondiale al Forum della Berlinale, che ha fatto parlare di sé in patria anche per la performance del protagonista Bogdan Diklić.

Il concorso nazionale include anche il dramma di Nevio Marasović Vis-à-vis, prodotto da Antitalent  Produkcija e Copycat, la commedia nera Simon Magus di Petar Orešković (Alka Film), il dramma sociale di Dan Oki The Farewell (Udruga Kazimir), e l’attesa commedia sull’arte The Bug, seconda regia del noto attore locale Filip Šovagović, con Nataša Škaričić, Migliore Attrice del Sarajevo Film Festival per due volte.

Il concorso per co-produzioni di minoranza è dominato da titoli di paesi vicini. Cinque arrivano dalla Slovenia: Dual [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nejc Gazvoda
scheda film
]
di Nejc Gazvoda (news), Feed Me with Your Words di Martin Turk, Good to Go di Matevž Lucar, Shanghai Gypsy di Marko NaberšnikeAdria Blues [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Miroslav Mandić. LaSerbia è rappresentata da Circles [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Srdan Golubovic
scheda film
]
di Srdan Golubović (news [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Srdan Golubovic
scheda film
]
), When Day Breaks [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Goran Paskaljević e The Forgerer di Goran Marković. Goltzius and the Pelican Company [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Peter Greenaway (Paesi Bassi) e My Beautiful Country [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Mihaela Kezele (Germania) completano la selezione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy