email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2013

Affrontare la vecchiaia con la Nouvelle Vague

di 

- Roger Michell, autore di opere come Notting Hill e L'amore fatale, concorre con Le Week-end alla Conchiglia d'Oro del 60mo festival di San Sebastian

Affrontare la vecchiaia con la Nouvelle Vague

Le Week-end [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, diretto da Roger Michell (autore di successi come Notting HillVénus [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, valso la nomination all'Oscar per Peter O' Toole), concorre per la Conchiglia d'Oro del 60mo festival di San Sebastian.

Con una regia corretta ed efficace, senza dubbio l'elemento più importante di Le Week-end è la sceneggiatura, del noto scrittore e regista britannico Hanif Kureishi (London Kills Me), in cui riprende alcuni dei temi principali del suo universo creativo e li applica a un universo vitale e innovativo all'interno della sua opera.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nick (un eccellente Jim Broadbent) e Meg (interpretata in modo squisito e accattivante da Lindsay Duncan) sono una coppia di insegnanti britannici al crepuscolo della loro vita professionale che tornano a Parigi molti anni dopo la loro luna di miele per cercare di rivitalizzare il loro matrimonio, in crisi dopo tanti anni insieme. Meg sente di meritare una vita migliore e avvia una tattica di allontanamento da suo marito da cui emergono vecchi problemi di relazione, dubbi, rancori e paure ma, allo stesso tempo, si mostra insicura e indifesa senza Nick, il quale vive ugualmente il suo processo di autoanalisi e riflessione su ciò che è stata la sua vita come professore e come marito.

In un primo momento, Le Week-end sembra essere un altro film, diretto in particolare a un pubblico di età avanzata, un segmento di mercato cinematografico molto importante negli ultimi tempi che ha generato successi inattesi come Marigold Hotel [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. E invece, con una virata sottile e inaspettata per lo spettatore, il film si va impregnando narrativamente di un'atmosfera che omaggia la Nouvelle Vague francese, Godard e il suo film Bande á part, dando vita a un'opera molto bella, ironica, affascinante e tenera che evoca lo spirito libertario degli anni '60, gli anni dello loro giovinezza. Dopo la proiezione, molti critici hanno indicato Richard Linklater e la sua celebre trilogía come possibile fonte d'ispirazione del film.

La pellicola è prodotta da Kevin Loader per FILM4 e le vendite internazionali sono affidate alla britannica Embankment Films (Londra).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy