email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VIENNALE 2013

Esposizione totale in The Inner Jungle

di 

- Debutto dello spagnolo Juan Barrero, è un film apparentemente autobiografico completamente girato dal punto di vista del regista e con un solo personaggio. Presentato in prima mondiale alla Viennale

Esposizione totale in The Inner Jungle

The Inner Jungle [+leggi anche:
trailer
intervista: Juan Barrero
scheda film
]
di Juan Barrero, presentato in prima mondiale alla Viennale, si apre con riprese aeree della jungla, accompagnate dalla voce del narratore che racconta (in danese) la storia di un’orchidea e una zanzara scoperte da Darwin, e la loro strana simbiosi attraverso l’inseminazione. Il protagonista (sempre Barrero, raramente sullo schermo) sta andando nella jungla nel Pacifico con una troupe del National Geographic per vedere se esistono ancora l’orchidea e la zanzara.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Il film torna successivamente nella città natale di Juan, dove l’uomo porta la fidanzata Gala (Gala Pérez Iñesta) a vedere la casa dov’è cresciuto. La casa ha visto tempi difficili, e Juan racconta a Gala la storia di una prozia che ha nascosto una donna in cantina durante il regime franchista. Gala è una violinista, e parte del film vede Juan che la riprende mentre suona. Scopriamo inoltre che l’uomo non vuole figli e Gala non ne è felice, ma non forza sul tema. Dopo due mesi nella jungla però, Juan riceve la notizia che lei è incinta, e che terrà il bambino.

Il film è una sorta di strana autobiografia di un periodo cruciale nella vita del regista, dove non siamo certi di quanto della storia sia vero, anche se la gravidanza di Gala e la nascita sono molto realistiche, con dettagli come le smagliature, le vene sulle seno e la rottura delle acque. Il film è molto esplicito e in qualche modo ricorda i film di Dogma 95, con la videocamera a mano in soggettiva e il voice-over in danese, ma alcune immagini simboliche e bellissime eliminano quasi subito la sensazione.

Il regista riesce a costruire una notevole tensione in 72 minuti, e il finale è ottimo, strutturato come un rapporto sessuale nel quale il durante non dà piacere, ma il finale dona allo spettatore una reazione quasi fisica.

La jungla interior è prodotto da Labyrint Films.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy