email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

DISTRIBUZIONE Europa

Esercenti: "Rischiamo di indebolire il carattere unico del cinema europeo"

di 

- Le associazioni di esercenti europei UNIC, CICAE ed Europa Cinemas criticano gli esperimenti di uscita simultanea in Europea

Esercenti: "Rischiamo di indebolire il carattere unico del cinema europeo"

In riferimento al lancio di Europa Creativa, le associazioni di cinema europeo UNIC, CICAE e Europa Cinemas hanno duramente criticato il tentativo della Commissione Europea di supportare le uscite simultanee con la recente Azione Preparatoria “Circolazione dei film nell'era digitale”. Le associazioni criticano il programma perché realizzato senza una preventiva consultazione con gli esercenti, e che minaccia quindi di indebolire enormemente i cinema.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

“Scegliendo di portare un film solo nelle loro sale per un determinato periodo dopo l’uscita — e pagando significative somme per questo privilegio — i cinema riescono a creare un’esperienza unica e condivisa di visione di un film”, hanno enfatizzato gli esercenti. L’unicità della visione condivisa del grande schermo crea alti livelli di pubblicità e contribuisce al successo di un film sulle altre piattaforme. Promuovendo attivamente lo scambio tra cinema e home-video, si rischia di indebolire il carattere unico del cinema europeo. Dovremmo cercare di far crescere il successo insieme e non di spingere verso la cannibalizzazione”.

“Non ci sorprende che la maggioranza degli stakeholder dell’industria cinematografica abbia scelto di non partecipare ad alcuno dei progetti finanziati nella prima parte dell’Azione Preparatoria”, hanno dichiarato Phil Clap, Presidente di UNIC, Detlef Roßmann, Presidente di CICAE e Nico Simon, Presidente di Europa Cinemas in un comunicato stampa congiunto. “Solo tre film sono usciti in simultanea o con programmi di uscita alterati significativamente, ad oggi”. La Commissione sperava inizialmente di distribuire 80-100 film in questo esperimento. “Mentre i risultati dei botteghini per i titoli di nicchia usciti sono deboli, la generale mancanza di trasparenza nel mercato del VoD ci indica che sono finora scarsi gli incassi riportati per questo mercato emergente”, hanno aggiunto gli esercenti. “Resta da capire come ciascuno di questi progetti supportati sarà valutato, e se la valutazione sarà assegnata ad un ente indipendente”.

Poiché la Commissione prevede una “Raccomandazione del Consiglio sul Cinema nell’Era Digitale” che offre indicazioni a ciascuno Stato membro su come supportare il cinema europeo al meglio, le associazioni sottolineano che il successo limitato degli esperimenti in simultanea e l’alto valore dell’esclusività della finestra di uscita dovrebbero riflettersi adeguatamente nella proposta. I cinema sono oggi la migliore soluzione per creare consapevolezza e interesse transnazionale nel cinema europeo. Molte sale usano il social-networking e le strategie di marketing su mobile per attirare appassionati di cinema e portarli in luoghi di incontro di loro fiducia — culturali, creativi e nelle loro comunità locali.

“Questi sforzi dovrebbero essere riconosciuti e supportati da tutte le istituzioni europee”, hanno riassunto i rappresentanti. “Il lancio di Europa Creativa offre una grande opportunità per affermare e rafforzare il contributo sociale, culturale ed economico degli esercizi in Europa, soprattutto in relazione ai cinema delle città più piccole e delle comunità rurali, dove la lotta all’isolamento sociale è sempre più importante”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy