email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2014 Francia

La produzione francese su tutti i fronti a Berlino

di 

- Con 31 lungometraggi prodotti o coprodotti nelle diverse sezioni del festival, la Francia dimostra ancora una volta la sua diversità e la sua apertura

La produzione francese su tutti i fronti a Berlino
With 31 feature films produced or co-produced in the various sections of the Festival, France demontsrates its diversity and open-mindedness

La diversità della produzione francese sarà nuovamente di scena alla 64ma Berlinale che comincia oggi, sia dal punto di vista artistico nelle varie sezioni dell'evento, sia da quello del business all'European Film Market (leggi le news line-up nello Storify Speciale Berlino).

Oltre alle due produzioni maggioritarie francesi (firmate Alain Resnais e Rachid Bouchareb) e alle quattro coproduzioni minoritarie (dirette da Benjamin Naishtat, Claudia Llosa e Lou Ye, senza dimenticare Station of the Cross [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Dietrich Brüggemann
scheda film
]
di Dietrich Brüggemann che è stato finanziato da ARTE) in lizza per l'Orso d'oro (leggi l'articolo), la selezione ufficiale include fuori concorso La Belle et la bête [+leggi anche:
trailer
making of
intervista: Léa Seydoux
intervista: Vincent Cassel
scheda film
]
di Christophe Gans e la versione lunga di Nymphomaniac [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Louise Vesth
scheda film
]
del danese Lars von Trier (coprodotto da Slot Machine).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
LIM Internal

Nel programma Berlinale Special figurano Dans la cour (In the Courtyard [+leggi anche:
trailer
intervista: Philippe Martin
scheda film
]
) di Pierre Salvadori (articolo), la coproduzione franco-tedesca Diplomatie [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Diplomacy) di Volker Schlöndorff (articolo), il lungometraggio britannico-francese The Two Faces of January [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
di Hossein Amini e il documentario franco-austriaco We Come As Friends [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Hubert Sauper.

Al Panorama si distinguono Yves Saint Laurent [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jalil Lespert
scheda film
]
di Jalil Lespert (che apre la sezione), Arrête ou je continue [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(If You Don't, I Will) di Sophie Fillières (articolo), il documentario Is the Man Who Is Tall Happy? [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Michel Gondry (che è membro quest'anno della giuria della competizione ufficiale), Journey to the West [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del taiwanese Tsai Ming-liang e Brides del georgiano Tinatin Kajrishvili (coprodotto da Ad Astra Films), senza dimenticare al Panorama Dokumente la coproduzione italo-americano-francese Natural Resistance di Jonathan Nossiter (coproduzione Les Films du Rat).

Nella sezione Forum sono stati selezionati Casse [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Scrap Yard) di Nadège Trebal, L’enlèvement de Michel Houellebecq [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(The Kidnapping of Michel Houellebecq) di Guillaume Nicloux, la coproduzione franco-svizzera Iranien [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Mehran Tamadon (prodotto da L'Atelier documentaire) e 40 Days of Silence [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Saodat Ismailova (prodotto da Uzbekistan, Tagikistan, Paesi Bassi, Germania e Francia via Petit Films).

Nel programma Generation brillano tre titoli francesi d'animazione: Loulou, l'incroyable secret [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Wolfy, the Incredible Secret) di Grégoire Solotareff ed Éric Omond, Jack et la mécanique du cœur [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Jack and the Cuckoo-Clock Heart) del duo Mathias Malzieu - Stéphane Berla, e Tante Hilda! [+leggi anche:
trailer
intervista: Jacques-Rémy Girerd |
scheda film
]
(Aunt Hilda!) di Jacques-Rémy Girerd e Benoît Chieux. In programma anche quattro coproduzioni minoritarie: Atlántida [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell'argentina Inés María Barrionuevo (Tu Vas Voir Productions), Natural Sciences [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del suo connazionale Matías Lucchesi (Metaluna Productions), Il Sud è niente [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
dell'italiano Fabio Mollo (Madakal) e Come to My Voice del turco Hüseyin Karabey (EZ Films). Infine, la sezione Berlinale Culinary Cinema proporrà The Food Guide to Love [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Dominic Harari e Teresa de Pelegri (coprodotto da Haut et Court con Spagna e Irlanda) e il titolo franco-americano 3 Acres in Detroit di Nora Mandray.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.