email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

OSCAR 2014 Danimarca

La chimica di Helium vale l’Oscar al Miglior Corto di Live Action

di 

- Dopo 9 Metre, in shortlist l’anno scorso, il ritratto di Anders Walter di un ragazzo malato terminale ha conquistato il quarto Academy Award della danese M&M Productions

La chimica di Helium vale l’Oscar al Miglior Corto di Live Action
Helium

Ieri sera Helium, corto da 23’ del danese Anders Walter, ha ricevuto l’Oscar al Miglior Corto al Dolby Theater di Hollywood – il quarto per i corti danesi, dopo Election Night (1999), This Charming Man (2003) e The New Tenants (2010), tutti prodotti da TiviKim Magnusson della M&M Productions di Copenhagen.

Gli altri due nominati danesi, Il sospetto [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Thomas Vinterberg
intervista: Thomas Vinterberg
scheda film
]
di Thomas Vinterberg, in corsa per il Miglior Film Straniero, e The Act of Killing [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell’americano Joshua Oppenheimer, nella categoria Miglior Documentario, hanno lasciato l’86^ edizione della cerimonia di premiazione a mani vuote.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Scritto da Walter e Christian Gamst Miller-HarrisHelium è la storia di un ragazzo, Alfred, malato terminale in ospedale, che fa amicizia con un eccentrico addetto alle pulizie, Enzo, e si consola pensando a Helium, mondo di fantasia fatto di isole galleggianti piene di speranza, che creano insieme.

"Ci sono tutte le ragioni di essere orgogliosi: un altro film danese ha vinto l’Oscar. Congratulazioni a Helium e al suo team”, ha dichiarato Henrik Bo Nielsen, AD del Danish Film Institute. Fumettista e illustratore, Walter aveva diretto in passato due corti, The Talking Suitcase (2011) e 9 Metre, in shortlist lo scorso anno.

"A breve, non appena concorderemo sulla normativa per le produzioni cinematografiche danesi dei prossimi quattro anni, sarà importante continuare a puntare in alto e garantirci un quadro finanziario che ci consenta di dare fiducia a nomi affermati, ma anche di far spazio a nuovi talenti, esperimenti e a una gioia narrativa e giocosa", ha aggiunto. 

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.