email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ANIMA 2014

Aunt Hilda!: una missione tra i fiori

di 

- La nuova opera dello studio Folimage, diretta da Jacques-Remy Girérd, utilizza il disegno artigianale e tradizionale per sensibilizzare sul tema della natura

Aunt Hilda!: una missione tra i fiori

Lo studio francese Folimage è riuscito a ritagliarsi uno spazio importante nell'animazione europea, grazie a La profezia delle ranocchie nel 2003, Mia and the Magoo [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
nel 2008, il candidato all'Oscar Une vie de chat [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
nel 2010 e, ora, Aunt Hilda! [+leggi anche:
trailer
intervista: Jacques-Rémy Girerd |
scheda film
]
. Il suo regista (e fondatore dello studio) Jacques-Remy Girérd, che ha diretto tutti i suoi film eccetto Une vie de chat, torna a mostrare in Aunt Hilda! Il suo gusto per ciò che è umile e naturale. Un gusto che qui pervade anche lo spirito della protagonista, Hilda: una donna che vive in modo molto semplice, con e per la natura. Il film è stato scelto per chiudere l'Anima Festival di Bruxelles.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Con la voce di Sabine Azéma, fedele collaboratrice del compianto Alain Resnais, Hilda vive nella sua grande serra in cima a una montagna, dove possiede con i suoi anziani genitori, botanici di professione, una piccola giungla in cui preserva ogni tipo di piante e fiori. Si relaziona con il mondo esterno andando da una parte all'altra con la sua bicicletta: in particolare con uno scienziato, Michael, che presto lascia il suo lavoro nell'impresa di fertilizzanti chimici DOLO. L'ambizione della sua capa, Dolorès, supera ogni limite, e quando i suoi piani malvagi (concentrati su una coltivazione nociva e invasiva, l'Attilem) minacciano tutta la natura del pianeta Terra, Hilda e Michael decidono di fare qualcosa.

Aunt Hilda! trasmette un messaggio ecologico rivolgendosi ai più giovani e con la sua proposta visiva e stilistica naif. Girerd e il suo co-regista Benoît Chieux nascondono una piccola missione dietro le immagini della storia: parlare del lato negativo degli organismi geneticamente modificati e delle coltivazioni industriali. Come riuscire tuttavia a far sì che un tema così da adulti sia attraente anche per un pubblico più piccolo? La storia di Hilda è raccontata con un ritmo divertente e può contare su ingredienti familiari, fantastici e romantici.

Il film è prodotto da Girerd per Folimage Production, insieme alla lussemburghese Mélusine Productions, ed è sostenuto da Rhône-Alpes CinémaFrance 3 Cinéma.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy