email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Italia

Al via il Future Film Festival di Bologna

di 

- Il più importante evento in Italia dedicato alle tecnologie applicate all’animazione, al cinema, ai videogame e ai new media si svolge dall'1 al 6 aprile

Al via il Future Film Festival di Bologna
Ma maman est en Amérique, elle a rencontré Buffalo Bill, in concorso al Future FF

Si apre oggi a Bologna il Future Film Festival, il primo e più importante evento in Italia dedicato alle tecnologie applicate all’animazione, al cinema, ai videogame e ai new media. Tema d’indagine della 16ma edizione, diretta da Giulietta Fara e Oscar Cosulich, è “Futuropolis - Le città del futuro”: una riflessione su come il cinema, nel corso della sua storia, ha immaginato le metropoli di domani, tra utopia e distopia, scenari apocalittici e spunti immaginifici capaci di arricchire la fantasia degli spettatori e anche quella degli architetti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tra gli ospiti d’onore di quest’edizione, il regista Carlos Saldanha (L’era glaciale): protagonista il 4 aprile di una lezione di cinema, l’autore accompagna l’anteprima italiana di Rio 2 - Missione Amazzonia (in uscita nelle sale italiane con 20th Century Fox). Tra le grandi anteprime, si segnalano Si alza il vento, l’ultimo capolavoro di Hayao Miyazaki (distribuito in Italia da Lucky Red) e Goool! [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
, il film (distribuzione Koch Media) che segna il debutto nel cinema d’animazione di Juan José Campanella, premio Oscar con Il segreto dei suoi occhi [+leggi anche:
trailer
making of
Intervista Juan José Campanella [IT]
Intervista Ricardo Darín [IT]
Intervista Soledad Villemin [IT]
scheda film
]
.

La serata d’apertura è affidata a uno dei “casi” del cinema francese recente, Ma maman est en Amérique, elle a rencontré Buffalo Bill [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Marc Boréal e Thibaut Chatel (in concorso). Altri otto film partecipano al Concorso lungometraggi e si contendono il Platinum Grand Prize. Tra questi, altri tre film francesi diversissimi per tecnica, stile e tono: Tante Hilda! [+leggi anche:
trailer
intervista: Jacques-Rémy Girerd |
scheda film
]
di Jacques-Rémy Girerd, Aya de Youpogon [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Marguerite Abouet e Clément Oubrerie, e Jasmine [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Alain Ughetto. Fuori concorso, l'Europa è rappresentata dal danese Marco Macaco di Jan Rahbek.

Accanto al concorso lungometraggi, torna il Future Film Short riservato ai corti. Tra le perle della sezione, il vincitore dell’Oscar 2014 per il miglior cortometraggio animato, Mr. Hublot di Laurent Witz, e il nuovo lavoro dell’italiano Alvise Avati, che dopo aver lavorato agli effetti speciali di kolossal come Avatar e King Kong, ha conquistato il web con Beans e il suo mix di umorismo e atmosfere in stile Gravity [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
, fino a diventare un vero fenomeno virale (oltre 9 milioni di visite).

Tra gli Eventi speciali, l’omaggio a Guido Manuli, grande protagonista della storia dell’animazione italiana che presenterà in anteprima mondiale a Bologna il suo nuovo lavoro, I Love Hitchcock, omaggio metacinematografico al maestro del brivido. Il Future Film Festival festeggia inoltre il talento di Alessandro Rak, ospite a Bologna per presentare i making of dell’applaudito e pluripremiato L’arte della felicità [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alessandro Rak
scheda film
]
e del suo nuovo corto Donna Maria.

Il tema “Futuropolis” sarà approfondito attraverso la riscoperta di 4 lungometraggi emblematici, che hanno fatto della città futuristica un vero e proprio personaggio: Jin-Roh - Uomini e lupi di Hiroyuki Okiura (1999), Metropolis di Rintaro (2001), La città dei bambini perduti di Jean-Pierre Jeunet e Marc Caro (1995) e In Time di Andrew Niccol (2011). 

Per il programma completo del Future FF, che si svolgerà fino a domenica 6 aprile, clicca qui.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy