email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Norvegia / Spagna

Finse diventa la Groenlandia in Nobody Wants the Night di Coixet

di 

- Noto come il pianeta glaciale di Hoth in Guerre Stellari, il villaggio della Norvegia Occidentale ospita la produzione con Juliette Binoche, Rinko Kikuchi e Gabriel Byrne

Finse diventa la Groenlandia in Nobody Wants the Night di Coixet
Isabel Coixet

Mentre il suo dramma romantico americano Learning to Drive, con Ben Kingsley, Patricia Clarkson e Jake Weber, è in post-produzione – con un'uscita prevista per il15 ottobre – la regista spagnola Isabel Coixet è arrivata a Finse, in Norvegia Occidentale, con cast e troupe del suo nuovo film, Nobody Wants the Night.

Arrivare non è facile: non ci sono strade che portano al villaggio, che si trova a 1.222 mt di altezza, e i treni sono l'unico mezzo di trasporto – in estate i visitatori possono camminare o usare la bicicletta. Il regista e produttore statunitense George Lucas l'aveva scelto come Hoth, il pianeta di ghiaccio di Star Wars: Episodio V - L'Impero colpisce ancora.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Stavolta Finse sarà la Groenlandia di inizio del '900 nella storia dello scrittore spagnolo Miguel Barros di due donne di mondi diversi che cercano di sopravvivere nell'inospitale clima. Entrambe sono innamorate dello stesso uomo, l'esploratore americano Robert Edwin Peary Sr, che nel 1909 non riuscì a raggiungere il Polo Nord geografico per sole cinque miglia.

La francese Juliette Binoche è Josephine, in attesa dell'avventuriero, che preferisce gloria e ghiacci al comfort di una casa agiata – e così anche Allaka, Inuit (l'attrice giapponese Rinko Kikuchi) che da Peary, interpretato dall'irlandese Gabriel Byrne, aspetta un figlio.

La produzione, che sarà girata anche in Spagna, Francia e Bulgaria, è di Andrés Santana e Antonia Nava (tra gli altri) della spagnola Aiete-Ariane Films, con la francese  Canal Plus, ed è “una delle più grandi e interessanti ospitate qui da anni”, secondo la responsabile della Western Norway Film Commission, Sigmund Elias Holm.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy