email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Quinzaine des réalisateurs

di 

- Il programma della nuova Quinzaine diretta da François da Silva include un solo film americano ma numerosi titoli europei (15 su 25 film)

Quinzaine des réalisateurs

30 lungometraggi e 18 corti per la 35ma Quinzaine des Réalisateurs. Il programma è stato illustrato oggi a Parigi, nel Forum des Images.
Alla direzione della famosa sezione parallela del Festival di Cannes, che si svolgerà dal 16 al 25 maggio, il nuovo direttore generale François da Silva ha rivendicato delle scelte personali che hanno scelto “la qualità di film venuti da 28 diversi Paesi, senza voler fare un patchwork geografico”. Un strategia che lascia il posto ad una larga rappresentanza europea: sui 25 lungometraggi selezionati ben 15 sono europei.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Con 6 film i francesi sono in prima fila: La Chose Publique di Mathieu Amalric, Les Lionceaux di Claire Doyon, Le monde vivant di Eugène Green, No pasaran, album souvenir di Henri-François Imbert, Pas de repos pour les braves [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Alain Guiraudie e Sansa [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Siegfried. Anche la penisola iberica è ben rappresentata: Les Hores del dia dello spagnolo Jaime Rosales, Quaresma del portoghese Jose Alvaro Morais e A Mulher que acreditava ser presidente dos Estado Unidos da America del suo compatriota Joao Botelho che aprirà la Quinzaine.

Tra gli altri registi europei, il tedesco Yüksel Yavuz (Kleine Freiheit), il belga Thomas de Thier (Des plumes dans la tête [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), l’italiana Costanza Quatriglio (L'isola), il norvegese Bent Hamer (Kitchen Stories), il rumeno Lucian Pintilie (Niky et Flo) e l’inglese Roger Mitchell (The mother).

Inoltre la Quinzaine proporrà quest’anno cinque lungometraggi in spéance speciale, tra i quali il francese Saltimbank di Jean-Claude Biette.

Interrogato sulla presenza di un solo film americano, François da Silva ha precisato aver scelto anche l’Elephant di Gus van Sant, recuperato poi dalla Competizione ufficiale e che le altre 48 produzioni USA viste non avevano la qualità necessaria per essere selezionate. Il direttore ha tenuto a ringraziare France Télévisions che ha rimediato alla defezione dell’ultimo minuto di Canal+ diventando partner della Quinzaine.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy