email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SIVIGLIA 2016

Siviglia si prepara al 13° Festival del Cinema Europeo

di 

- Omaggi all’attrice Valeria Bruni Tedeschi e al costumista Paco Delgado, oltre a numerose prime mondiali, nel programma di quest’edizione al via da venerdì

Siviglia si prepara al 13° Festival del Cinema Europeo
Le Cancre di Paul Vecchiali

Dal 4 al 12 novembre, a Siviglia si respirerà un’aria particolarmente continentale, autoriale e moderna con la celebrazione della 13a edizione del Festival del Cinema Europeo, diretto brillantemente per il quarto anno da José Luis Cienfuegos. In questi giorni, la magnifica attrice e regista italiana Valeria Bruni Tedeschi riceverà un caldo omaggio, così come il costumista delle Canarie Paco Delgado, che vanta nel suo curriculum due nomination agli Oscar (per Les Misérables [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
e The Danish Girl [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Paco Delgado
scheda film
]
). Saranno inoltre mostrate in prima mondiale 27 pellicole in linea con lo spirito ribelle, audace e trasgressivo che caratterizza le diverse sezioni del SEFF.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

In selezione ufficiale, porteranno i loro lavori in riva al Guadalquivir cineasti tanto personali come il galiziano Oliver Laxe (Mimosas [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Oliver Laxe
scheda film
]
), il francese Alain Guiraudie (che qui ha vinto tre anni fa con Lo sconosciuto del lago [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alain Guiraudie
scheda film
]
e in questa edizione presenterà Rester vertical [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alain Guiraudie
scheda film
]
), il suo connazionale Olivier Assayas (Personal Shopper [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Artemio Benki
intervista: Olivier Assayas
scheda film
]
), l’austriaco Ulrich Seidl (con Safari [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, che come tutta la sua opera, documentaria o di finzione, desterà clamore), la britannica Andrea Arnold (con il suo premiato e controverso American Honey [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Andrea Arnold
scheda film
]
), Bruno Dumont (Ma Loute [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Bruno Dumont
scheda film
]
); il catalano Albert Serra (con quella perla da camera intitolata La muerte de Luis XIV [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Albert Serra
scheda film
]
) e il maestro Paul Vecchiali (che l’anno scorso ha avuto qui un’ampia retrospettiva) che mostrerà il suo recente Le Cancre [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

Per la sezione Las Nuevas Olas, fresca vetrina delle novità prodotte in Europa, passeranno, fra gli altri audaci cineasti, un habitué della manifestazione, lo spagnolo Pablo Llorca (con Días color naranja [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), il suo connazionale David Macián (La mano invisible [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
), l’intramontabile Ado(lfo) Arrietta (Belle dormant [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ado Arrietta
scheda film
]
), Enrique Baró (La película de nuestra vida [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Enrique Baró
scheda film
]
) e Caroline Deruas (L’Indomptée [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Caroline Deruas
scheda film
]
).

La sezione No ficción ospiterà documentari di Salomé Lamas (El Dorado XXI [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), Ben Rivers (What Means Something), Eugène Green (Faire la parole), lo scrittore francese Jonathan Littell (Wrong Elements [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), Hernán Zin (Nacido en Siria), Rita Azevedo Gomes (Correspondências [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) e Marie Losier (O passaro da noite).

E in Resistencias, baluardo del cinema spagnolo più indipendente, nuovo e alternativo, avranno spazio El misterio de Aaron, diretto da Carlos Rivero; Los mutantes [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Gabriel Azorín; Marisa en los bosques [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Antonio Morales; El último verano [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Leire Apellaniz e due lavori di Kikol Grau: Inadaptados e No somos nada.

A tutto ciò va aggiunta la celebrazione di Spanish Screenings-Sevilla TV 2016, piattaforma internazionale per la vendita e la promozione di prodotti audiovisivi spagnoli, il ciclo sulla combattiva cineasta irlandese Vivienne Dick e l’annuncio, il giorno 5 e da qui, dei film finalisti agli European Film Awards.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy