email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FINANZIAMENTI Svezia / Norvegia

Lucky, un gangster movie svedese e Domestique, film sul doping norvegese

di 

- Lo Swedish e il Norwegian Film Institute supportano entrambi due nuovi film e documentari che saranno girati il prossimo anno

Lucky, un gangster movie svedese e Domestique, film sul doping norvegese
La regista Mia Engberg

Nell'ultimo ciclo di sovvenzioni del 2016 per le nuove produzioni cinematografiche, lo Swedish e Norwegian Film Institute hanno entrambi supportato economicamente due nuovi film e documentari, insieme ad alcuni pacchetti di cortometraggi, e tutti inizieranno le riprese il prossimo anno.

Lo Swedish Film Institute ha sostenuto l'opera prima della regista svedese Mia Engberg, Lucky One [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Mia Engberg
scheda film
]
(titolo provvisorio: Lucky), e il documentario della regista norvegese Margreth Olin Childhood, che la Memfis Film International di Lars Jönsson co-produrrà con la norvegese Speranza Film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
LIM Internal

Premiata con il premio cinematografico nazionale svedese Guldbagge per il suo documentario del 2013 Belleville Baby [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, la Engberg ha sceneggiato il dramma, ambientato a Parigi e in Svezia, che narra dell'anziano gangster Vincent, che lavora fino a tarda notte e sogna un'altra vita. Ma tutto cambia quando diventa inaspettatamente responsabile per accudire la figlia adolescente Grace. Tobias Janson lo produrrà per Story AB Productions.

La Olin, che recentemente ha documentato le esperienze di 22 pazienti con il famoso guaritore Joralf Gjerstad a Snåsa, esaminerà ora ciò che il gioco significa per i bambini, creando un film in cui giocano in casa, cercando di offrire una prospettiva diversa su ciò di cui hanno veramente bisogno oggi, piuttosto che ritrarre ciò che sembra nella vita di tutti i giorni.

Il Norwegian Film Institute ha sostenuto due progetti del programma New Ways, per supportare l'audacia artistica e il progresso dei registi giovani e di talento: il film da €891,000 di Jannicke Systad Jacobsen The Domestique e il documentario ibrido da €891,000 di Tonje Hessen Schei iHuman.

In The Domestique, prodotto da Isak Eymundsson e Ruben Thorkildsen, per Ape & Bjørn Productions, la ciclista professionista di successo Kim Carlsen (39 anni) ammette il suo ex uso di doping durante una conferenza stampa. In rapida successione perde il lavoro, il marito, i figli, la casa, la credibilità e il rispetto di sé. Turn Me On, Goddammit! [+leggi anche:
trailer
intervista: Jannicke Systad Jacobsen
scheda film
]
è valso alla Jacobsen il premio cinematografico nazionale norvegese Amanda al Miglior Film.

Recente vincitrice di un Amanda al Miglior Documentario (Drone [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, 2014), la Schei esplorerà "l'intelligenza artificiale, il controllo sociale, le nuove costellazioni del potere e le forze opposte nella corsa tecnologica" nella produzione di Jonathan Borge Lie per Volt Film.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.