email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VISIONS DU RÉEL 2017

Les éternels: l’Armenia fantasma

di 

- Il quarto lungometraggio documentario del belga Pierre-Yves Vandeweerd è un saggio poetico sulle ferite ancora aperte del popolo armeno

Les éternels: l’Armenia fantasma

Dopo la disintegrazione dell’Unione Sovietica e una guerra di trincea tra armeni e azeri, il territorio di Nagorno Karabakh si autoproclamò una repubblica indipendente nel 1994. Les éternels [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, l’ultimo documentario di Pierre-Yves Vandeweerd, presentato in concorso a Visions du Réel, immortala il quotidiano di chi vive, afflitto, in questa piccola regione che tuttoggi non è riconosciuta né dall’Armenia né dall’Azerbaigian. Nel suo meraviglioso saggio poetico, il regista di Territoire perdu [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
e Le Cercle des noyés [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dimostra che esiste una similitudine emotiva tra il sentimento di sospensione, o non appartenenza ad alcuno stato, che soffrono i cittadini di Nagorno Karabakh (nel complesso, di radici armene) e la sindrome post-traumatica che caratterizza i sopravvissuti al genocidio armeno.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Come spiega Vandeweerd mediante una serie di cartelli che interrompono le belle e potenti immagini del gelido paesaggio di Nagorno Karabakh, questo stato di profondo dolore che accomuna i sopravvissuti armeni è conosciuto, nella loro lingua, con il nome di Tsnorq; una parola che significa letteralmente "provare malinconia per l'eternità". I malati di Tsnorq sperimentano il tempo in modo diverso. Le ore, i giorni e gli anni si dilatano, e non c’è un solo minuto in cui le sue vittime smettono di pensare al momento in cui saranno liberi dal loro calvario terreno, ossia al momento in cui moriranno e passeranno all’eternità.

Les éternels non cerca la compassione dello spettatore, ma vuole mostrare l’anima in pena del popolo armeno, specialmente di coloro che sono scampati al genocidio o alla sanguinosa guerra del Nagorno Karabakh con i vicini azeri. Scomodo, desolante e fulminante, il film propone un approccio privo di sottigliezze o orpelli che facilitino la comprensione del desiderio di morte dei suoi protagonisti. Les éternels ci trasporta in un non-luogo abitato da fantasmi, dove il tempo si è fermato per accogliere il dolce avvento dell'eternità.

Il film è prodotto da Cobra Films y Zeugma Films, con l’appoggio di ARTE France - La Lucarne.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy