email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Norvegia

Prima di Betrayed, Marius Holst ha girato in gran segreto Congo

di 

- Sul film è stato mantenuto il massimo riserbo fintanto che uno dei personaggi reali descritto nella storia è stato in prigione, ma ora Holst è uscito allo scoperto

Prima di Betrayed, Marius Holst ha girato in gran segreto Congo
Il regista Marius Holst sul set nella Repubblica Democratica del Congo (© Friland Film)

Mentre veniva recentemente annunciato che il prossimo film diretto dal regista norvegese Marius Holst, dopo King of Devil’s Island [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(2010), sarebbe stato il dramma sull’Olocausto norvegese ambientato durante la seconda guerra mondiale e intitolato Betrayed (leggi l’articolo), il cineasta aveva in realtà già terminato le riprese di un’altra pellicola, Congo [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Nel settembre 2016, il Norwegian Film Institute aveva messo a disposizione 1,5 milioni di euro alla società Friland Production, rappresentata da Christian Fredrik Martin e Asle Vatn,per la produzione del film, ma, dal momento che uno dei personaggi reali descritti nella storia si trovava ancora in prigione nella Repubblica Democratica del Congo, il sostegno non era stato reso pubblico.  

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

“L’opera si basa su eventi reali tragici: un uomo è stato brutalmente assassinato mentre era al lavoro nella giungla congolese. Due giovani norvegesi, suoi datori di lavoro, sono stati condannati per omicidio. Soltanto uno di essi è ancora vivo, ma resterà segnato da questa vicenda per tutta la vita”, spiega il direttore esecutivo di produzione e sviluppo dell’istituto, Sveinung Golimo.

Scritto dallo sceneggiatore norvegese Nikolaj Frobenius, che ha incontrato entrambi i norvegesi in cella – il film segue le tracce di Joshua French e Tjostolv Moland, che nella primavera del 2009 si avventurarono nella regione orientale del Congo. Dopo qualche giorno, il loro autista venne ucciso e, dopo un inseguimento nella giungla, vengono catturati e condannati a morte per spionaggio e per l’omicidio del loro conducente. Il Congo ha anche richiesto alla Norvegia 500 dollari americani come risarcimento. Dopo quattro anni di carcere, Moland viene trovato morto e French viene accusato di averlo ammazzato. I diplomatici norvegesi hanno lavorato al “caso congolese” per molti anni, ma il 17 maggio, dopo otto anni, il trentacinquenne norvegese è stato finalmente liberato, “per ragioni umanitarie e di salute”, secondo quando affermato dall’ufficio del Presidente congolese, ed è attualmente rientrato in Norvegia.

Il canale norvegese NRK ha dichiarato che la gran parte di Congo è stata già girata in Sudafrica, con gli attori norvegesi Aksel Hennie e Tobias Santelmann nei ruoli principali. “Dopo accurate ricerche, ogni fatto conosciuto è stato usato per Congo: il film condurrà il pubblico in un viaggio epico basato su incredibili eventi reali”, ha detto Holst.  

“In questo dramma esistenziale e delirante, troviamo la sregolatezza, la violenza e l’imprigionamento, ma anche il senso di colpa, la redenzione e la compassione, con un approccio inedito ad una delle storie più trattate dai media norvegesi negli ultimi decenni”, ha concluso Golimo. La società Friland co-produce il film con la norvegese Nordisk Film, la tedesca Pandora Film, la danese Nimbus Film, la svedese Garagefilm e il centro regione cinematografico Film i Väst.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy