email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Francia

Christophe Le Masne gira Moi, Maman, ma mére et moi

di 

- Grégory Montel, Philippe Rebbot, Olivia Côte e Lolita Chammah nel cast del primo lungometraggio del regista, guidato da Takami Productions

Christophe Le Masne gira Moi, Maman, ma mére et moi
La direttrice della fotografia Fiona Braillon e il regista Christophe Le Masne sul set di Notre petit secret (© Takami Productions)

Ultimi giorni di riprese, fino al 24 giugno, per il primo lungometraggio di Christophe Le Masne: Moi, Maman, ma mére et moi [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(titolo provvisorio: Notre petit secret). Selezionato cinque volte in competizione nazionale a Clermont-Ferrand con altrettanti cortometraggi (nel 2001 con Les inévitables, nel 2002 con Naturellement, nel 2007 con Et alors, premio speciale della giuria nel 2010 con Annie de Francia e menzione speciale nel 2014 con Sexy Dream), il cineasta ha riunito nel cast Grégory Montel (rivelatosi in L'Air de rien [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e che vedremo presto in Diane a les épaules), Philippe Rebbot (Mariage à Mendoza [+leggi anche:
trailer
intervista: Edouard Deluc
scheda film
]
, Le Petit Locataire [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), Olivia Côte (L'Effetto acquatico [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), Lolita Chammah (ammirata di recente in Drôles d'oiseaux [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Elise Girard
scheda film
]
), Alex Moreu Garriga, Dominique Valadié e Philippe Nahon.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Scritta da Christophe Le Masne, la sceneggiatura è incentrata su Benoît che ha mancato il funerale di sua madre. Era bloccato sull’Eurostar. Fuori tempo, come sempre, raggiunge la casa di famiglia. Vi ritrova i suoi fratelli e sorelle, dei mobili da dividere e nella sua stanza da sistemare… il fantasma di sua mamma, birichina e dispettosa. Lo investirà di un segreto di famiglia di cui lui avrebbe fatto decisamente a meno. Una strana caccia al tesoro tanto commovente quanto esilarante, intrisa di tenerezza e malinconia. Perché mamma sarà pure morta, ma non ha detto tutto…

Prodotto da Karine Blanc e Michel Tavares per Takami Productions, Moi, Maman, ma mére et moi è coprodotto da Alga Panavision, La Ruche Studio e Eclair. Pre-acquistato da Ciné+, il film beneficia anche del sostegno delle regioni Paesi della Loira e Ile-de-France. La distribuzione in Francia sarà guidata a fine 2017 da Jour2Fête.

Vincitrice nel 2015 del premio al produttore di cortometraggi della Procirep, Takami Productions ha al suo attivo una quarantina di corti dalla sua creazione nel 2002, tra cui Aïssa di Clément Tréhin-Lalanne (nominato al César 2015). Moi, Maman, ma mére et moi è il primo lungometraggio prodotto in delegato dalla società parigina.  

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy