email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Portogallo

Il LEFFEST celebra la sua 11a edizione

di 

- Cinema, teatro e arti visive si mescolano al festival diretto da Paulo Branco

Il LEFFEST celebra la sua 11a edizione
Damned Summer di Pedro Cabeleira, che sarà in gara al LEFFEST

Il LEFFEST festeggia quest’anno la sua 11a edizione dal 17 al 26 novembre. Fondato a Estoril, in passato il festival si svolgeva tra Lisbona e Estoril mentre adesso tra la capitale portoghese e il leggendario villaggio di Sintra. Sebbene la città ospitante sia cambiata in passato, tre peculiarità sono sempre rimaste al loro posto: il controverso direttore artistico Paulo Branco, il modo particolare con cui l’evento viene presentato, al confine tra cinema, teatro e arti visive, e la sua forza attrattiva nei confronti delle celebrità del Paese.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

L’edizione di quest’anno ripropone alcuni nomi presenti nelle edizioni precedenti: i registi David Cronenberg (presidente della giuria), Mathieu Amalric e Abel Ferrara e gli attori Willem Dafoe e Isabelle Huppert. Alla star francese, che è stata nominata per un Academy Award quest’anno per la sua performance in Elle [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, sarà dedicata una retrospettiva in omaggio alla sua prolifica carriera. Sarà anche presente all’apertura della mostra “Isabelle Huppert: Woman of Many Faces” al MU.SA (Museo delle Arti di Sintra) dove verranno esposte immagini di Robert Doisneau, Nan Goldin e molti altri fotografi.

Inoltre, il regista portoghese João Mário Grilo sarà protagonista di una retrospettiva che comprenderà il cortometraggio inedito Não Esquecerás.

Oltre alle star e alle retrospettive, il LEFFEST rappresenta anche un’occasione per vedere molti film di grande successo le cui prime hanno avuto luogo nei migliori festival dell’anno. Alcuni dei titoli in questione non hanno ancora trovato un distributore in Portogallo, mentre per altri il festival rappresenterà una piattaforma promozionale per la loro diffusione nei cinema locali come per il film portoghese Damned Summer [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pedro Cabeleira
scheda film
]
. Il film, con il quale Pedro Cabeleira ha debuttato, era stato scelto per il Locarno Film Festival e ora figura tra quelli in gara al LEFFEST.

Oltre a Damned Summer, altri 12 film si contenderanno il primo premio del LEFFEST, molti sono coproduzioni europee molto attese, ad esempio A Ciambra [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jonas Carpignano
scheda film
]
di Jonas Carpignano, Chiamami col tuo nome [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Luca Guadagnino
scheda film
]
di Luca Guadagnino e The Guardians [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Xavier Beauvois
scheda film
]
di Xavier Beauvois. Ci sono poi Cocote [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Nelson Carlo De Los Santos, The Day After di Hang Sang-soo, How to Talk to Girls at Parties [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di John Cameron Mitchell, Devil’s Freedom di Everardo González, A man of integrity di Mohammad Rasouluf, Lucky di John Carroll Lynch, Frost [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sharunas Bartas
scheda film
]
di Sharunas Bartas, Closeness [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Kantemir Balagov e Western [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jonas Dornbach
intervista: Valeska Grisebach
intervista: Valeska Grisebach
scheda film
]
di Valeska Grisebach.

Anche i film non in gara sono altrettanto accattivanti: La scelta di Barbara [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Christian Petzold
scheda film
]
di Mathieu Amalric, Mektub, My Love: Canto Uno [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Abdellatif Kechiche e The Square [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ruben Östlund
scheda film
]
di Ruben Östlund, vincitore della Palma d’Oro, sono i titoli di spicco tra i 17 lungometraggi da non perdere. Gli altri film della sezione sono A Prayer Before Dawn [+leggi anche:
trailer
intervista: Jean-Stéphane Sauvaire
scheda film
]
di Jean-Stéphane Sauvaire, Boom for Real: The Late Teenage Years of Jean-Michel Basquiat di Sara Driver, The Captain [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Robert Schwentke
scheda film
]
di Robert Schwentke, First Reformed di Paul Schrader, I Love You, Daddy di Louis CK, It Comes at Night di Trey Edward Shults, Claire’s Camera [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Hong Sang-soo, Last Flag Flying di Richard Linklater, Molly’s Game di Aaron Sorkin, Love for a Day [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Philippe Garrel, C’est la vie - Prendila come viene [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Olivier Nakache e Eric Toledano, Wonder Wheel di Woody Allen, On Body and Soul [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ildiko Enyedi
intervista: Ildiko Enyedi
intervista: Réka Tenki
scheda film
]
di Ildiko Enyedi e Tre manifesti a Ebbing, Missouri [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Martin McDonagh.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy