email print share on facebook share on twitter share on google+

KARLOVY VARY 2018 Concorso documentari

Recensione: Putin's Witnesses

di 

- KARLOVY VARY 2018: Il nuovo film di Vitaly Mansky racconta l’ascesa di Putin attraverso i filmati che il regista ha girato come membro del team della campagna elettorale presidenziale nel 2000

Recensione: Putin's Witnesses

Con i suoi film Pipeline, Under the Sun [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Vitaly Mansky
scheda film
]
e Close Relations [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, il documentarista russo Vitaly Mansky si è fatto conoscere come un astuto e altamente creativo osservatore e analista delle attuali questioni sociali, politiche ed economiche, attraverso storie locali e personali con ampie connotazioni. Il suo ultimo film, Putin's Witnesses [+leggi anche:
trailer
intervista: Vitaly Mansky
scheda film
]
, presentato in prima mondiale a Karlovy Vary nella competizione documentari, è probabilmente il suo più intimo ed emozionante fino ad oggi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Mansky era nel team della campagna elettorale di Putin nel 2000, dopo che Eltsin aveva consegnato la sua presidenza al suo allora primo ministro. È così che il film si apre, con Mansky e la sua famiglia che seguono il discorso di Yeltsin il giorno di Capodanno del 2000. Ora Putin è presidente e la moglie di Mansky è molto scontenta di questo sviluppo.

Ma il regista è più riservato – dopotutto ha un lavoro da fare. Egli filma Putin e i suoi più stretti collaboratori per gli scopi della campagna elettorale, se questo è il termine giusto per ciò che il presidente e il suo team avevano ideato. La sua immediata posizione di presidente in carica gli diede un vantaggio inestimabile, e non c'erano video promozionali, cartelloni pubblicitari e nemmeno dibattiti televisivi a cui Putin prendesse parte. Invece, la sua autorità e la sua presenza erano basate sulla narrativa del "leader forte" che è tanto caro al popolo russo, costruendolo come una figura che avrebbe messo fine ai frequenti attacchi terroristici ceceni agli edifici residenziali russi dell’epoca e salvato la repubblica. Questo portò a Putin una vittoria con il 52% dei voti, e le accuse secondo cui era il suo FSB a perpetrare in realtà quei massacri che servivano solo a danneggiare gli accusatori (basta cercare su Google "bombardamenti di appartamenti russi" per trovare dettagli spaventosi).

Accompagnato dalla voce narrante di Mansky che descrive la situazione in quel momento e offre le proprie osservazioni, il film passa molto tempo con Yeltsin e la sua famiglia mentre aspettano i risultati elettorali, e con il team della campagna di Putin, che consisteva in persone nelle posizioni più alte – tra cui Medvedev, Chubais, Mikhail Lesin, Gleb Pavlovsky, Kseniya Ponomaryova, Mikhail Kasyanov, Vladislav Surkov e Valentin Yushamov – tutti i quali, ad eccezione di Medvedev, caddero successivamente con il presidente e finirono, nel migliore dei casi, emarginati nelle strutture politiche o, nel peggiore dei casi, morti.

Con l’approccio di Mansky, il film avrebbe potuto intitolarsi anche Putin and I, poiché la sua vicinanza al sovrano russo durante quel periodo fornisce un accesso senza precedenti e una visione straordinaria. Assai difficile trovare altrove filmati così intimi e ravvicinati del presidente nei suoi primi giorni. Ma ciò che Mansky qui fa al meglio è mostrarci le ragioni della popolarità di Putin e dettagliare la sua ascesa e la sua graduale evoluzione nell'autocrate che è oggi. Mentre il presidente rimarrà essenzialmente un mistero per noi comuni mortali, il film di Mansky ci avvicina molto più a lui che, ad esempio, il panegirico di Oliver Stone, The Putin Interviews.

Putin's Witnesses è una coproduzione del lettone Studio Vertov, della società svizzera GoldenEggProduction e della ceca Hypermarket Film. La compagnia con sede a Lipsia Deckert Distribution detiene i diritti internazionali.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.