email print share on facebook share on twitter share on google+

PRODUZIONE Italia / Stati Uniti / Francia

What You Gonna Do When the World’s on Fire?: l’America e il razzismo

di 

- Roberto Minervini scava alla radice dell’irrisolta questione razziale negli Stati Uniti di oggi nel suo nuovo documentario in concorso a Venezia

What You Gonna Do When the World’s on Fire?: l’America e il razzismo
What You Gonna Do When the World’s on Fire? di Roberto Minervini

Dopo la trilogia texana (The Passage [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
Low Tide [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
Stop the Pounding Heart [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) e Louisiana [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Roberto Minervini
scheda film
]
Roberto Minervini prosegue la sua esplorazione ditemi e personaggi dell’America profonda in What You Gonna Do When the World’s on Fire? [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Roberto Minervini
scheda film
]
 - Che fare quando il mondo è in fiamme?, selezionato in concorso alla 75a Mostra del cinema di Venezia. Il film, girato in bianco e nero con la collaborazione del fedele DoP spagnolo Diego Romero Suarez-Llanos, si presenta come una riflessione sul razzismo in America, e insieme il ritratto intimo di una comunità che nell'estate del 2017, dopo che una serie di brutali uccisioni di giovani africani da parte della polizia ha scosso tutti gli Stati Uniti, combatte per la giustizia, la dignità e la sopravvivenza in un Paese che non sembra essere dalla sua parte.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Al centro del documentario ci sono Judy, che cerca di mantenere a galla la propria famiglia allargata, mentre gestisce un bar minacciato dalla gentrificazione; Ronaldo e Titus, due giovanissimi fratelli che crescono in un quartiere afflitto dalla violenza, mentre il padre è in prigione; Kevin, Big Chief della tradizione indiana del Mardi Gras, che lotta per mantenere vivo il patrimonio culturale della sua gente attraverso i rituali del canto e del cucito; e il gruppo rivoluzionario delle Black Panthers, che indaga sul linciaggio di due ragazzi nel Mississippi, mentre organizza una protesta contro la brutalità della polizia. 

“Con What You Gonna Do When the World’s on Fire? ho voluto scavare alla radice della disuguaglianza sociale nell’America di oggi, concentrandomi sull’irrisolta, cronica questione razziale nei confronti degli africani americani”, dichiara il regista 48enne originario di Fermo, che vive tra l’Italia e gli Stati Uniti. “La mia speranza è che il film susciti un dibattito necessario sulle attuali condizioni dei neri americani che, oggi più che mai, assistono all’intensificarsi dei crimini motivati dall’odio e delle politiche discriminatorie”.

What You Gonna Do When the World’s on Fire? è una produzione Okta Film, Pulpa Film, Shellac Sud con Rai Cinema, con il sostegno di ARRI - International Support ProgramFondo Audiovisivo del Friuli Venezia Giulia, Fondo bilaterale per lo sviluppo di coproduzioni di opere cinematografiche italo-francesi, MiBAC - Direzione Generale Cinema e Centre National du Cinéma et de l’image animée, con la partecipazione di Aide aux Cinémas du Monde e Centre National du Cinéma et de l’image animée - Institut Français.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.