email print share on facebook share on twitter share on google+

TORONTO 2018 Discovery

Recensione: Light as Feathers

di 

- TORONTO 2018: La cineasta olandese Rosanne Pel ha realizzato un impressionante film d'esordio che esamina l'abuso sessuale manipolativo tra gli adolescenti dal punto di vista di chi lo perpetra

Recensione: Light as Feathers
Eryk Walny e Klaudia Przybylska in Light as Feathers

Durante i suoi studi, la regista e sceneggiatrice olandese Rosanne Pel ha realizzato quattro cortometraggi che seguivano le lotte di eroi solitari in ambienti remoti. Negli ultimi anni, ha sviluppato e prodotto il suo film d'esordio, Light as Feathers [+leggi anche:
trailer
intervista: Rosanne Pel
scheda film
]
, che è stato presentato in anteprima mondiale nella sezione Discovery del 43° Festival di Toronto.

In un villaggio rurale polacco in mezzo al nulla, Eryk (Eryk Walny), 15 anni, lavora in una fattoria di oche e vive con sua madre, sua nonna e la bisnonna, che lo hanno allevato visto che suo padre non c’era mai. Eryk ha un rapporto stretto, quasi intimo, squilibrato con la sua giovane madre, Ewa (Ewa Makula), che lo manipola e lo usa quando ne ha bisogno, creando così una co-dipendenza madre-figlio inquietante e dominante. Ma Eryk nutre sentimenti per la sua vicina di 13 anni, Klaudia (Klaudia Przybylska). Incapace o riluttante a distinguere tra amore e abuso, Eryk, a sua volta, manipola Klaudia, sia fisicamente che emotivamente, costringendola ad attività sessuali. Il segreto è al sicuro finché l'abuso non viene alla luce.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Mettendo le relazioni familiari al centro della sua storia, Pel si propone di esplorare e analizzare le radici della violenza sessuale. Senza trasformare Light as Feathers in uno studio sul comportamento umano, ma usando il lavoro della filosofa Hannah Arendt come ispirazione, usa il personaggio di Eryk per esaminare la relazione tra punizione e perdono. La mancanza della figura paterna durante la sua educazione, le tre femmine dominanti che lo coccolano e, in particolare, il subliminale complesso di Giocasta/Edipo con sua madre poteva essere ciò che alimentava la sua personalità emotivamente sottosviluppata. Pel fa un passo avanti e indaga se questo potrebbe anche dare origine a un potenziale predatore sessuale.

Poiché il tema sensibile degli abusi sessuali viene solitamente rappresentato solo dal punto di vista della vittima, la decisione coraggiosa di Pel di concentrarsi su Eryk, anziché su Klaudia, conferisce al film un carattere audace, rischioso, quasi provocatorio. Dato che la premessa del film è il fatto che la violenza nasce e viene simultaneamente trasmessa all'interno dell'ambiente familiare, Eryk viene presentato sia come colpevole sia come vittima. Tuttavia, nonostante ciò, i suoi atti non sono affatto giustificati e rimane responsabile delle sue azioni e di tutte le loro conseguenze. Per rafforzare l'impatto e alleggerire la storia, Pel aggiunge qualche tocco comico occasionale. Attraverso momenti triviali e umoristici – con qualche cenno a Ulrich Seidl – descrive come la vita vada avanti anche quando la tragedia colpisce. È la sua reazione al fatto quasi assurdo che l'abuso sessuale possa anche essere considerato una pratica comune e virtualmente "invisibile" nella vita di tutti i giorni.

Girato per un periodo di oltre tre anni, con una squadra ridotta all’osso e facendo uso di attori non professionisti e debuttanti, Light as Feathers ha l’aspetto di un documentario osservazionale e romanzato. Con il cast che offre convincenti performance naturali e autentiche e la videocamera che cattura realisticamente la loro pubertà, la storia raggiunge un climax più drammatico mano a mano che la narrazione va avanti. Si potrebbe persino dire che questo equilibrio quasi sperimentale tra finzione e realtà, con un pizzico di commedia, possa manipolare lo spettatore, aggiungendo così un ulteriore livello all’efficacia della storia.

Pel realizza con successo un esordio impressionante che mira a esorcizzare i demoni. Aderendo a una trama archetipica e tragica, il film porta a una comprensione catartica e, possibilmente, a una liberatoria assoluzione del carnefice. Per citare Arendt, "Il perdono è la chiave per l'azione e la libertà".

Light as Feathers è prodotto da Floor Onrust per la società di Amsterdam Family Affair Films. La struttura francese WIDE gestisce le vendite internazionali.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.