email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ZURIGO 2018

Recensione: Trautmann

di 

- Il regista tedesco Marcus H. Rosenmüller mostra le prove e le tribolazioni del leggendario portiere del Manchester City, Bert Trautmann, nel suo nuovo dramma

Recensione: Trautmann
David Kross e Harry Melling in Trautmann

Nella storia della più antica competizione di calcio mondiale, la storia del portiere Bert Trautmann è leggendaria. In un’epoca in cui i sostituti non erano autorizzati a scendere in campo (cosa che rimane stranamente senza spiegazione per i neofiti in questo film), il portiere del Manchester City Trautmann si fratturò il collo durante la finale della FA Cup del 1956 allo stadio di Wembley, ma continuò a giocare fino al fischio finale. Su questo genere di azioni sono stati realizzati film interi, e Trautmann [+leggi anche:
trailer
intervista: Marcus H. Rosenmüller
scheda film
]
debutta come Gala Premiere allo Zurich Film Festival.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il dramma del regista Marcus H Rosenmüller (Grave Decisions [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) ci mostra che giocare in quella finale con un collo spezzato non è neanche il dettaglio più eroico della vita straordinaria di Trautmann (interpretato da David Kross). Era un prigioniero di guerra nazista, che subì anni di abusi razzisti dopo essere diventato il primo calciatore tedesco a giocare nel campionato di calcio britannico dopo la Seconda guerra mondiale. Dovette convincere i compagni di squadra, i sostenitori e la comunità ebraica di Manchester del suo diritto a giocare a calcio, e che le sue attività di soldato non dovevano costituire l'unico e definitivo verdetto su di lui come persona. Eppure questi dettagli vengono trattati sbrigativamente perché l’intenzione di Rosenmüller è realizzare un racconto romantico e vitale, e non una storia di calcio.

Il regista evita le scene di calcio quanto più possibile, poiché è quasi impossibile per gli attori ricreare la tensione e l'abilità di questo bellissimo gioco. In una sequenza di montaggio ben affinato che attraversa la carriera calcistica di Trautmann, i filmati d'archivio sono mescolati accuratamente con le ricostruzioni. Durante la finale, c'è anche un buon uso di uno stacco in ospedale per spiegare il collo rotto, e questi stacchi sono supportati da elementi realistico-magici e salti temporali per tutto il film. Meno riuscite sono le sequenze completamente costruite che mostrano Trautmann che viene prelevato dal suo campo di prigionia per suonare per St Helens e che successivamente si innamora di Margaret (Freya Mavor), la figlia del suo allenatore di calcio, Jack (un divertente John Henshaw). La storia d'amore è carica di quantità inutili di melassa in quello che viene dipinto come un matrimonio troppo romantico per tutto il film, anche dopo che un tragico lutto si abbatte sulla coppia. Non si fa menzione della successiva fine del matrimonio nei titoli finali che descrivono quando i personaggi sono morti.

Questa omissione di tristezza deriva dal fatto che la storia è raccontata nel suo insieme e che il tono del film è tenuto il più leggero possibile, un tono che ricorda quello della scena calcistica in Kes di Ken Loach. È un film che mira ad essere intrattenimento per la famiglia e vuole fare appello ai fan non di calcio. È efficace come intrattenimento leggero, tanto più che la storia e gli eventi che compongono la biografia del portiere sono così straordinari da avere un impatto enorme nonostante il tono zuccherino. Un'altra parte importante del film sono i flashback di un incidente in tempo di guerra che oggi potrebbe essere considerato un disturbo da stress post-traumatico e che ha ossessionato Trautmann nel corso della sua vita. Nel complesso, è un’opera divertente perché guardare Trautmann è come guardare una partita di calcio di una lega inferiore: il livello di intrattenimento è alto perché c'è molta azione in porta, ma la qualità complessiva del gioco non è così eccezionale.

Trautmann è una coproduzione tedesco-britannica guidata da Lieblingsfilm, Zephyr Films, Trautmann Ltd e British Film Company in coproduzione con Square One Entertainment, ARRI Media e ARD/Degeto. Le vendite internazionali sono gestite da Beta Cinema.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy