email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PINGYAO 2018

Recensione: Hotel Império

di 

- Il thriller di Ivo Ferreira è un’odissea notturna nei bassifondi di Macao sulla scomparsa dell’identità portoghese e la sua attuale gentrificazione

Recensione: Hotel Império
Margarida Vila-Nova e Tiago Aldeia in Hotel Império

La seconda edizione del Pingyao Crouching Tiger Hidden Dragon International Film Festival (PYIFF), fondato da Jia Zhangke e Marco Müller nel 2017, ha accolto la prima mondiale di Hotel Império [+leggi anche:
intervista: Ivo M. Ferreira
scheda film
]
, il quarto lungometraggio del regista portoghese Ivo Ferreira (Cartas da guerra [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Ivo M. Ferreira
scheda film
]
, Águas mil). Questo nuovo film prodotto da O Som e a Fúria con compagnie di Hong Kong, Macao e Libano è stato proiettato nella competizione Crouching Tiger della manifestazione che si celebra nella provincia cinese di Shanxi, dopo essere stato presentato all’industria e ai media, in fase di work-in-progress, durante la seconda edizione dell’International Film Festival and Awards Macao.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Girato interamente a Macao tra febbraio e marzo 2017, Hotel Império offre uno sguardo critico al passato coloniale del Portogallo, e l’attuale gentrificazione di Macao, sotto forma di un neo-noir sui segreti di una famiglia di portoghesi che si stabilì nella metropoli cinese mezzo secolo prima. L'attrice Margarida Vila-Nova (Cartas da guerra, Misterios de Lisboa [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) dà vita alla protagonista del film. Maria è una portoghese nata a Macao che gestisce un vecchio motel che suo padre (Cândido Ferreira) fondò con l'aiuto di sua madre, una donna ciñese, e la cui esistenza e posizione scateneranno la tragedia.

L'antico e lussuoso Hotel Império è ora un rifugio per prostitute, senzatetto e vecchi cantanti lirici cinesi senza lavoro situato in una zona strategica per la speculazione immobiliare della città. Gli ospiti che non pagano non sono l'unico problema affrontato da Maria e dal suo anziano padre. I suoi proprietari ricevono, su base giornaliera, offerte per l’acquisto dell’albergo inizialmente benevole, che diventeranno gradualmente pericolose minacce. L'uomo dietro l'offerta è l'ex fidanzato di Maria, interpretato dall’attore portoghese Tiago Aldeia (Cartas da guerra). Tuttavia, il vero cervello dell'operazione, che giunge a Macao per demolire la struttura e distruggere questa famiglia, è un acquirente ricco e misterioso di nome Chu (Rhydian Vaughan).

Hotel Império è un'odissea notturna nei bassifondi di Macao, la cui trama piena di suspense, esotismo asiatico ed estetica al neon – quest'ultima frutto dell’impeccabile direzione della fotografia di Susana Gomes, che aveva già lavorato con Ferreira nei suoi film precedenti – ricorda l’omaggio al cinema noir di serie B che realizzò Nicolas Winding Refn in Solo Dio perdona [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
intervista: Nicolas Winding Refn
scheda film
]
. Il thriller di Ivo Ferreira si appropria dei codici del film di genere per ritrarre la continua distruzione e ricostruzione dello spazio, così come la scomparsa dell’identità portoghese in questa vecchia ex colonia dove il regista ha vissuto per molti anni.

Hotel Império è prodotto da O Som e a Fúria, Inner Harbour Films (Macao), Titan Films Entertainment (Hong Kong) e Schortcut Films (Libano). O Som e a Fúria si occupa anche delle vendite internazionali.

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.