email print share on facebook share on twitter share on google+

DOK LEIPZIG 2018

Recensione: No Obvious Signs

di 

- Il secondo lungometraggio documentario della cineasta ucraina Alina Gorlova è un racconto straziante sulla riabilitazione post-traumatica di una donna

Recensione: No Obvious Signs

Il secondo film della regista ucraina Alina Gorlova, No Obvious Signs [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, che ha avuto la sua prima internazionale al DOK Leipzig e ha vinto l'MDR Film Prize per il miglior documentario dell'Europa dell'Est, è probabilmente il film più efficace realizzato finora sul disturbo da stress post-traumatico (PTSD). La nostra protagonista, un maggiore dell'esercito ucraino responsabile delle risorse umane, Oksana Yakubova, ha accettato che la sua riabilitazione venisse filmata "come monito per coloro che stanno andando in guerra, e ancor di più, per le loro famiglie".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film inizia quasi come un thriller: Oksana è seduta sul sedile del passeggero di un'auto, filmata da dietro, mentre si tiene la testa, sulla musica sospesa di Ptakh Jung che mantiene le cose incredibilmente tese fino alla chiusura dei titoli di coda. Presto iniziamo a seguire la sua terapia riabilitativa, sia psicologica che fisica. Mentre la seconda consiste nei previsti esercizi di respirazione in acqua o nella camminata per misurare il suo livello di stress (che è insolitamente alto), la prima è ciò che ha davvero un forte impatto sullo spettatore.

Ogni volta che Oksana mette in relazione le sue esperienze e i suoi problemi con lo psicoterapeuta in un centro di riabilitazione di Kiev, Gorlova fissa la sua videocamera esclusivamente sulla protagonista, di solito in piani medi o primi piani, senza mai interrompere il flusso del suo discorso. È nella prima metà del film che sentiamo come la PTSD la sta colpendo, e la sua consegna onesta e interrotta, unita al metodo di ripresa formalmente rigoroso, ci porta dolorosamente vicino ai suoi sentimenti.

Oksana non aveva paura dei bombardamenti in guerra, né mai piangeva durante tutte le situazioni difficili in cui si trovava – e ce n'erano molte. Nell'esercito, il suo incarico era quello di informare i parenti dei soldati morti e chiamarli a identificare i loro corpi, mandandoli al Cargo 200 (potreste avere familiarità con questa frase dal film di Aleksei Balabanov del 2007), e poi, dopo la mezzanotte, scrivere resoconti sulla scomparsa di compagni con cui aveva condiviso il pranzo e le battute un solo giorno prima.

Ma è stato quando è tornata a casa che sono crollate tutte le barriere che aveva inconsciamente costruito per essere in grado di superare l'intera prova. Ora è sdraiata sul letto, guarda nel vuoto, o piange senza controllo per nessuna ragione particolare, ed è costantemente spaventata dalle normali situazioni quotidiane – ad esempio, è terrorizzata dalla folla nella metropolitana e non sopporta i rumori forti dei treni.

A metà del film, Oksana torna alla sua unità per dimettersi. Alcune didascalie ci informano che alla crew non era permesso entrare e che le è occorso un mese per ottenere i documenti di dimissione. Durante il suo viaggio di ritorno, non è depressa – è totalmente furibonda, e dice che ora capisce dagli occhi dei soldati che dovrebbero andare tutti immediatamente in terapia. Ma nessun comandante ce li manderà, poiché non ci sono "segni evidenti", il che significa assenza di lesioni fisiche.

No Obvious Signs è un film straziante e indispensabile che avverte sulle conseguenze della guerra che sono meno evidenti del numero devastante di vittime o di grandi atti eroici, ma non per questo meno importanti. È stato prodotto dalla società ucraina Tabor e le sue vendite internazionali sono gestite da Filmotor (Repubblica Ceca).

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.