email print share on facebook share on twitter share on google+

FESTIVAL Italia

Il cinema documentario al Filmmaker Festival

di 

- In programma fino al 24 novembre a Milano 82 titoli, un incontro con Luca Guadagnino e una nuova edizione dei Milano Industry Days

Il cinema documentario al Filmmaker Festival
The Waldheim Waltz di Ruth Beckermann

Al via il 16 novembre l'edizione 2018 di Filmmaker Festival, in programma fino al 24 novembre a Milano. Al centro della manifestazione, come sempre, il cinema documentario e di ricerca. Sette le sezioni per un totale di 82 titoli, di cui 16 in anteprima assoluta e 11 in anteprima italiana. Il film d’apertura è Monrovia, Indiana di Frederick Wiseman, mentre la chiusura, tradizionalmente affidata ad un autore italiano, sarà con Chaco [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Daniele Incalcaterra e Fausta Quattrini.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il Concorso internazionale propone quest’anno 9 film. Tre autrici tornano al festival con i loro ultimi lavori: Ruth Beckermann firma The Waldheim Waltz [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ruth Beckermann
scheda film
]
(candidato austriaco alla corsa all’Oscar), Claire Simon propone Premières solitudes [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Claire Simon
scheda film
]
, girato in un liceo dei sobborghi di Parigi, mentre Alexandra Gerbaulet, in co-regia con Mirko Winkel, è autrice di Die Schläferin.Altro nome noto ai frequentatori dei festival internazionali, Nicolas Philibert osserva in De chaque instant [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
la formazione degli apprendisti infermieri all'istituto Croix Saint Simon di Montreuil. Accomunati dalla comune investigazione sull’assenza privata di due padri “pubblici” (uomo politico l’uno, fotografo e regista l’altro), Der Funktionär di Andreas Goldstein e The Image You Missed [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Donal Foreman. Fausto di Andrea Bussmann è ambientato su una spiaggia del Messico, mentre l’Italia è rappresentata da Luca Ferri, habitué del festival, con Pierino,su un pensionato “malato di cinema”, e dal giovane Antonio Di Biase, con De Sancto Ambrosio.

Il più internazionale degli autori contemporanei italiani, Luca Guadagnino, presenterà la sua “Carta bianca”dedicata a Roberto Rossellini e Peter Del Monte, in collaborazione con CSC - Cineteca nazionale.

Dopo una prima edizione pilota nel 2015 e due edizioni di successo con oltre 300 professionisti accreditati da tutta Italia, il Milano Film Network in collaborazione con il festival rinnova la sua due giorni di pitching e networking professionali per il mondo del cinema e dell’audiovisivo italiano, i Milano Industry Days (21-22 novembre 2018) e presenta ad un pubblico di professionisti del cinema e dell'audiovisivo le sue attività a sostegno del cinema italiano indipendente: i progetti di film in sviluppo finalisti del workshop In Progress e le copie lavoro di lungometraggi selezionati per L’Atelier, fondo di sostegno ai film italiani in post produzione.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.