email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SUNDANCE 2019 Premieres

Recensione: Blinded by the Light

di 

- Le canzoni di Bruce Springsteen aiutano un adolescente pakistano a sbocciare durante l'Inghilterra della Thatcher nell'appetitoso film diretto da Gurinder Chadha

Recensione: Blinded by the Light
Nell Williams, Aaron Phagura e Viveik Kalra in Blinded by the Light

Trovare la propria voce unica e farla sentire mentre si combatte contro pregiudizi e discriminazioni sembra essere uno dei temi più forti del programma del Sundance Film Festival 2019. La regista di Sognando Beckham [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e What's Cooking?, Gurinder Chadha, si unisce a questa tendenza in Blinded by the Light [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, un adattamento delle memorie del giornalista Sarfraz Manzoor attualmente proiettato in Premieres. "Non preoccuparti, amico", come affermano gli inglesi, il film è ben lungi dall'essere un biopic crudo e grintoso sulla disillusione che la vita inevitabilmente porta, anche se è ambientato durante uno dei decenni più desolati della storia recente del Regno Unito, e la discriminazione non è una cosa da ridere. Chadha porta in questo suo lavoro molto umorismo, calore e anche sequenze di street dance (ricordate il suo Matrimoni e pregiudizi [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
o Billy Elliot di Stephen Daldry?), creando quella che potrà non essere la storia più originale, ma è sicuramente spensierata e incoraggiante. Gran parte del merito va anche alle canzoni di Bruce Springsteen, che prestano alcuni potenti ed energici accordi a questa commedia drammatica di formazione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Luton alla fine degli anni '80 non è il posto più bello dove vivere. La crisi economica è acuta e i sentimenti nazionalistici sono in crescita, etichettando il sedicenne Javed (Viveik Kalra), i suoi genitori che lavorano sodo e le sue sorelle come "Pakis". La discriminazione assume qui varie forme e intensità: i genitori dell'amico di Javed, che sono fedeli sostenitori dei Tory, lo trattano come un'aggiunta "esotica" all'entourage della figlia, altri studenti inseguono Javed e il suo amico sikh fuori da un bar, e un punk locale sarebbe più che felice di spaccargli quella sua faccia un po’ diversa. Ma essere figlio di immigrati non è l'unica – e sicuramente non la più importante – cosa che faccia risaltare Javed. Ha uno straordinario talento per la letteratura (stimolato dal suo insegnante di inglese), oltre a un gusto particolare per la musica – almeno secondo i suoi compagni e il suo migliore amico, un sosia di Robert Smith. Bruce Springsteen potrebbe essere un bardo del passato, ma a Javed non interessano le tendenze effimere. Come ogni bravo scrittore, è in grado di vedere le cose in un contesto più ampio e profondo. Inoltre, ha semplicemente bisogno di un eroe a cui guardare, e che possa dargli forza in qualche modo. L'autore di "Born to Run" si adatta perfettamente a questo ruolo. L'accattivante e realistica performance di Kalra apporta molto spessore alla storia, così come quelle dei suoi co-protagonisti Aaron Phagura e Dean-Charles Chapman.

Blinded by the Light è prodotto da Gurinder Chadha, Jane Barclay e Jamal Daniel, per le società britanniche Bend It Films e Ingenious Media. New Line ha acquisito i diritti del film al Sundance per $15 milioni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy