email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINO 2019 Forum

Recensione: Homing

di 

- BERLINO 2019: Il primo lungometraggio in solitario di Helvécio Marins Jr. è un dramma rurale sulla convivenza tra i cowboy e la natura della pampa brasiliana

Recensione: Homing

Dopo aver co-diretto con Clarissa Campolina la sua opera prima Swirl [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, proiettata alla Mostra del cinema di Venezia, il regista brasiliano Helvécio Marins Jr. ha presentato il suo primo lungometraggio da solista nella sezione Forum del 69° Festival di Berlino. Homing [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
ci offre un viaggio attraverso il Brasile rurale di Minas de Gerais, guidato da un cowboy del XXI secolo di nome Marcelo (Marcelo di Souza). Questa finzione semi-documentaria, interpretata da attori non professionisti che interpretano se stessi nelle loro case, ranch, rodei e in altri luoghi nella loro città natale di Urucuia, si rivela un'ode alla convivenza tra l’uomo e la natura in quella zona, soprattutto tra i contadini e il loro amato bestiame.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il regista nato a Belo Horizonte debutta con una storia piena di speranza sul superamento del trauma di uno di questi contadini. Una notte, Marcelo viene attaccato da estranei che finiscono per derubarlo della sua mandria di bovini e cavalli. La violenza di questa rapina a mano armata, così come la perdita di cento capi di bestiame, piombano il cowboy in un grave stato di depressione, da cui riuscirà a uscire con l'aiuto dei suoi amici. La comunità agricola di Urucuia lo incoraggia a iniziare un'altra attività in cui possa esprimere la sua passione per gli animali in un altro modo. Così, in queste circostanze tragiche, Marcelo si lascerà alle spalle il suo passato da contadino, per diventare un narratore professionista delle competizioni di rodeo.

La trama di Homing affronta il passaggio dallo sconforto di Marcelo alla realizzazione del suo sogno. In altre parole, fino alla reinvenzione di questa seconda vita in cui non è stato necessario rinunciare al suo amore incondizionato per gli animali. Helvécio Marins Jr. mette in scena una vita tranquilla – praticamente bucolica – della pampa brasiliana durante il giorno, a cui si contrappone una serie di episodi violenti che si verificano solo durante la notte. Da un lato, l'episodio del furto di Marcelo e, dall'altro, le scioccanti immagini documentarie delle bestie selvagge che rifiutano di essere domate dai cowboy durante i rodei.

Homing è prodotto dalla compagnia tedesca Autentika Films insieme alle brasiliane Muriaquitā Filmes e Videofilmes. Le vendite nel mondo sono curate da The Open Reel.

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.