email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINO 2019 Fuori concorso

Recensione: Varda by Agnès

di 

- BERLINO 2019: Agnès Varda ci parla della sua carriera sotto forma di masterclass, con conversazioni, illustrazioni e stile

Recensione: Varda by Agnès

Sesso e potere. Sono due delle parole chiave che Agnès Varda utilizza per descrivere ciò che la muove mentre parla della sua carriera come regista, fotografa e artista in Varda by Agnès [+leggi anche:
trailer
intervista: Agnès Varda
scheda film
]
, presentato in anteprima mondiale al 69° Festival di Berlino. È una fortuna per il mondo che Varda abbia una vita così lunga e fruttuosa da essere ancora in grado di partecipare ai festival e fare film. Negli ultimi anni, la regista novantenne ha accompagnato con passione il suo ultimo documentario nominato agli Oscar, Visages, villages [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, in vari festival cinematografici. È la persona più anziana della storia ad essere stata nominata per un Academy Award, una candidatura arrivata pochi mesi dopo aver ricevuto un Oscar alla carriera.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tutti vogliono celebrare Varda. Cinquantasette anni dopo aver realizzato Cleo dalle 5 alle 7, e senza essere stata mai elogiata ai livelli di Jean-Luc Godard e Francois Truffaut, i festival del cinema ora, in ritardo, finalmente la festeggiano. Ha ricevuto una statuetta alla Berlinale e ha tenuto di recente una masterclass al Marrakech International Film Festival. Il mese prossimo sarà al Qumra di Doha. Consapevole di non essere in grado di rispettare un programma simile, ha realizzato questo film da inviare al posto suo: una versione filmata della sua masterclass.

Seduta in un delizioso teatro, Varda accompagna il pubblico attraverso il suo lavoro. Ovviamente, essendo la grande artista che è, rinuncia a volte all'approccio cronologico convenzionale e organizza il suo lavoro attorno a temi e segmenti sciolti. Tali segmenti sono il cinema, la fotografia e, infine, l'arte visiva. Il percorso si svolge in due tempi: il suo "periodo analogico" dal 1954 al 2000, e il suo periodo digitale dal 2000 ad oggi. Parla, di solito da sola, come se stesse tenendo una conferenza, e occasionalmente accompagnata da un collaboratore, come il gallerista Hans-Ulrich Obrist. Ma in ogni caso, Varda è del tutto coinvolgente mentre commenta i suoi lavori, come Cleo dalle 5 alle 7, Il verde prato dell'amore e Kung Fu Master, attraverso delle clip.

I suoi recenti documentari, Visages, Villages e Les Plages d’Agnès [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, avevano ugualmente esplorato la memoria attraverso il lavoro della regista, ma avevano anche un sapore cinematografico che è invece assente in Varda by Agnès. Qui, la regista vuole mettere le sue motivazioni e le sue idee in primo piano e al centro, piuttosto che la sua genialità come regista. Ciò che è evidente è che lei guarda il mondo in modo diverso rispetto ai suoi contemporanei. Quando guarda indietro al 1968, vede Black Panthers in America e le marce delle donne, ed evita di rievocare con gli occhiali rosa il ruolo che i registi ebbero nelle dimostrazioni. Sesso e politica si intrecciano nel suo lavoro: nulla accade senza di loro, anche quando non vengono menzionati esplicitamente.

La cosa veramente bella di questo film è che funziona sia per chi vuole sapere qualcosa del lavoro di Varda, sia per chi ha visto tutto. Ciò che è particolarmente interessante è la sua passione per il lavoro in galleria e la sua convinzione che lavorare su tre schermi le abbia dato un nuovo modo di vedere. Ma questa è la bellezza di Varda: ha sempre avuto un modo nuovo di vedere, ed è il mondo che non ha impiegato sufficiente tempo a guardarla, o semplicemente l’ha liquidata a causa di vecchi pregiudizi.

Varda by Agnès è prodotto da Ciné Tamaris e ARTE France. Le vendite internazionali sono affidate a mk2 films.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.