email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

KARLOVY VARY 2019 Concorso documentari

Recensione: Immortal

di 

- La russa Ksenia Okhapkina fa il suo debutto nel lungometraggio con questo documentario estone-lettone girato in un vecchio Gulag nel circolo polare artico russo

Recensione: Immortal

La città di Apatity nell'estremo nord-ovest della Russia, più specificamente nella regione di Murmansk, era un campo di lavoro Gulag. Come molti altri luoghi simili, ci informa la didascalia in apertura di Immortal [+leggi anche:
trailer
intervista: Ksenia Okhapkina
scheda film
]
, le persone continuarono a vivere lì dopo che il vecchio sistema fu smantellato. Nel suo lungometraggio di debutto, proiettato nel Concorso documentari del Karlovy Vary International Film Festival, la regista russa Ksenia Okhapkina adotta un approccio visivamente impressionante e del tutto cinematografico per trattare i temi dell'indottrinamento, dell'ideologia, di un sistema oppressivo e di un'impercettibile mancanza di libertà.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film ha una forte impronta fantascientifica, distopica, con le sue montagne innevate e ultraterrene, e le predominanti tonalità grigie e argentate dei treni della miniera e degli edifici di epoca comunista. Ciò è rafforzato dall'approccio altamente osservativo e dal montaggio fluido di inquadrature spesso lunghe, sia con una panoramica a scorrimento lento che con una camera fissa.

Questa distanza stabilita da Okhapkina significa anche che non ci sono personaggi reali. Piuttosto, stiamo guardando un sistema al lavoro. Mentre gli adulti – che sono per lo più impiegati nella miniera locale, scavando per un minerale chiamato apatite – occupano il loro tempo libero bighellonando e bevendo, i bambini sono sottoposti a indottrinamento e costretti a imparare la disciplina partecipando alla scuola di danza o alla "Youngarmy" ". Non che questo "forzare" sia effettivamente sentito nel film; piuttosto, lo spettatore lo percepisce razionalmente osservando le ragazze allenarsi o i ragazzi che imparano a maneggiare le pistole – ed entrambi i gruppi devono innanzitutto ascoltare gli ordini.

Il sistema in atto è infido: c'è un'idea di immortalità nella mentalità di gruppo che è stata costruita nell'URSS, e che recentemente abbiamo avuto la possibilità di osservare nella meravigliosa serie della HBO Chernobyl. La Russia moderna ha perpetuato questa ideologia secondo cui, essendo un membro contribuente di una potente nazione e Stato, si raggiunge un posto più alto ed eterno in una sorta di gerarchia immaginaria dell'umanità. Nutrendo i bambini piccoli – i ragazzi e le ragazze del film hanno 12 anni, al massimo – con questo tipo di indottrinamento, mentre allo stesso tempo promuovono valori positivi come la salute, lo sport e le capacità fisiche, lo Stato crea una popolazione fedele per generazioni a venire.

Il film strutturato in modo molto chiaro, quasi puro, culmina in una celebrazione della Giornata degli Eroi della Patria, durante il quale i bambini si esibiscono nello stile delle parate militari che erano così tipiche dell'Unione Sovietica, e che sono ancora molto amate oggi in Russia. Questo film non tenta di spiegare l'origine del sistema, né cerca di guardare alle differenze potenziali tra l'uso conscio e inconscio della propaganda, o ai suoi risultati: presenta solo uno dei principali elementi imposti dallo Stato nella società russa.

In ogni caso, non c'è spazio per molta teorizzazione e filosofia in un'opera che è prevalentemente visiva nella sua espressione. Un altro film avrebbe potuto facilmente esplorare le sfumature dei temi che Immortal semplicemente presenta in modo convincente. Ma nel bene o nel male, riesce in quello che mirava a fare, e in un modo molto compiuto.

Immortal è una coproduzione dell’estone OU Vesilind e della lettone VFS Films. Il film non ha ancora un venditore estero.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.