email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ODESSA 2019

Recensione: Beanpole

di 

- Il secondo film del talentuoso Kantemir Balagov è un dramma del dopoguerra estremamente riuscito ambientato nel 1945 a Leningrado

Recensione: Beanpole
Viktoria Miroshnichenko in Beanpole

La più brillante stella nascente di un'industria cinematografica nazionale già ricca di stelle nascenti, il regista russo 28enne Kantemir Balagov ha fatto seguire al suo debutto, Closeness [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, lo straordinariamente compiuto Beanpole [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, che meritatamente gli è valso il premio alla regia al Certain Regard di Cannes. Il film ha recentemente vinto il Silver Apricot al Golden Apricot International Film Festival di Yerevan ed è stato anche proiettato nella sezione Festival dei Festival di Odessa.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
LIM Internal

È il primo autunno a Leningrado dopo l'assedio, e Iya (Viktoria Miroshnichenko), una bionda così alta da essere soprannominata "Beanpole" (spilungona), lavora come infermiera in un ospedale per veterani. Soffre di una specie di disturbo post-traumatico da stress, che si manifesta con convulsioni che la congelano, la paralizzano e la fanno respirare con fatica. Con lei c'è il figlio di tre anni, Pashka, e i due hanno una relazione meravigliosa e amorevole in mezzo alle brutali circostanze postbelliche.

Ma a un certo punto, mentre giocano sul pavimento di legno del loro piccolo appartamento, Iya ha uno dei suoi attacchi e soffoca inavvertitamente il bambino sotto il suo peso. Questa è una delle scene più difficili al cinema degli ultimi anni, ma solo uno dei tanti segmenti duri di questo film oscuro e spietato.

Presto, una collega di Iya fa ritorno dal fronte. Si tratta di Masha (Vasilisa Perelygina), una rossa con un sorriso maniacale e occhi disperati, e apprendiamo che è la vera madre di Pashka, che aveva lasciato a Iya con l’intenzione di continuare a combattere e vendicarsi con i tedeschi per la morte di suo marito. Quando Masha scopre che Pashka è morto e che non può avere un altro bambino a causa di quella che è apparentemente una ferita da schegge, chiede a Iya di avere un figlio al posto suo, sostenendo che glielo deve.

Sembrerà folle, ma è solo l'inizio di una storia incredibilmente ricca di particolari emotivi, psicologici e cinematografici. Molti personaggi secondari potrebbero persino diventare intriganti protagonisti in un film tutto loro. E l'immenso talento di Balagov nel tenere alta la tensione permette loro di interagire in modo cupamente avvincente con le due eccezionali attrici principali.

Coloro che hanno visto Closeness riconosceranno un impulso autoriale simile che può sembrare manipolativo, ma a differenza di quel film, l'ambientazione fornisce un contesto in cui le scene eticamente ed emotivamente incredibili possono sembrare plausibili, se non esattamente naturali. Sono radicate in personaggi realistici le cui azioni spesso terribili derivano logicamente da profondi traumi e circostanze terrificanti. Beanpole ha una gamma dinamica emotiva ampia quanto la stessa Russia, nel bene e nel male: dalla crudeltà e dalla mancanza di cuore al sacrificio totale per la persona che ami, spesso all'interno di un solo protagonista.

È anche un film di forti contrasti, talvolta esagerati. La complessa relazione di Masha e Iya continua a cambiare durante tutto il film, da un estremo all'altro. Visivamente, il lavoro della DoP Ksenia Sereda è a dir poco mozzafiato, con le  immagini migliori che possiedono la qualità dei dipinti. L'illuminazione calda e gialla attenua le squallide condizioni di vita, al punto che anche le pareti scrostate sembrano belle. La scenografia di Sergei Ivanov è attraente e dettagliata, giustapponendo i colori verde e rosso con un effetto forte, che in realtà svanisce lungo i 137 minuti di durata del film.

Beanpole è una produzione delle compagnie russe AR Content e Non-Stop Production, e Wild Bunch detiene i diritti internazionali.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.