email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SARAJEVO 2019 Concorso

Recensione: The Son

di 

- Il secondo lungometraggio della regista bosniaca Ines Tanović, un film di Sarajevo profondamente generazionale, ha aperto ufficialmente il 25° Sarajevo Film Festival

Recensione: The Son
Dino Bajrović e Lidija Kordić in The Son

Il secondo lungometraggio della regista bosniaca Ines Tanović, The Son [+leggi anche:
intervista: Ines Tanović
scheda film
]
, ha aperto il Sarajevo Film Festival (16-23 agosto). Il festival di solito inizia con un film per il pubblico collocato in una sezione laterale, quindi quando un film del concorso viene messo in questa posizione, significa che i programmatori vogliono inviare un messaggio.

Il film si apre con Arman (l’esordiente Dino Bajrović) che saluta i suoi genitori Senad (Uliks Fehmiu) e Jasna (Snežana Bogdanović) e il fratello minore Dino (Hamza Ajdinović) prima di recarsi all'aeroporto per andare a Zagabria. Una volta lì, aspetta invano colei che apprendiamo in seguito essere la sua madre biologica. Devastato e solo, il quasi 18enne torna arrabbiato nella vecchia casa di famiglia in città che suo padre, un architetto, è determinato a rinnovare nonostante la mancanza di mezzi, con dispiacere di sua moglie, rappresentante sindacale della società di trasporto pubblico in crisi della città.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

In costante conflitto con l'ambiente circostante, Arman si scontra con un bullo della scuola e spacciatore locale nel tentativo di proteggere la sua amata Analuna (Lidija Kordić). Man mano che la storia avanza, i due si avvicinano e vediamo il ragazzo con un atteggiamento completamente diverso da quello che mostra ai suoi genitori: sa essere gentile ed emotivo, e non solo arrabbiato e ribelle. Dimostra anche un grande livello di protezione nei confronti di suo fratello di quattro anni più giovane, che porta a uscire con i suoi amici, ma al quale proibisce ancora di fumare o bere.

A casa, Senad e Jasna spesso litigano, frustrati dal modo in cui una situazione economica e politica senza speranza sta influenzando il loro lavoro, e incerti su come trattare i loro figli. Arman si sente più accolto e amato dai nonni, interpretati da Jasna Ornela Bery e Emir Hadžihafizbegović.

Questa scelta di casting è ciò che collega gli aspetti narrativi e sociali del film di Tanović: negli ultimi vent'anni, i due attori hanno interpretato dei genitori, sia insieme che individualmente, e ora sono scelti come nonno e nonna. Allo stesso modo, Fehmiu interpretava un personaggio più simile a un figlio nel debutto di Tanović, Our Everyday Life [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ines Tanović
scheda film
]
, e ora interpreta il padre.

Questo aspetto intergenerazionale è il fondamento su cui il regista costruisce il suo ritratto di una gioventù senza meta a cui non importa della recente storia sanguinosa del proprio paese e che, come i loro coetanei di tutto il mondo, trascorrono la maggior parte del loro tempo incollati ai loro smartphone, quando non bevono, combattono, assumono droghe o si innamorano. Una scena in cui uno degli amici di Arman mette le mani su una borsa piena di armi e va a venderle in Siria, per poi tornare dentro una bara, anticipa l'intenso finale del film.

Mentre Our Everyday Life era fedele al suo titolo, The Son ha una trama centrale più focalizzata. Visivamente, Tanović mostra ancora una volta la sua propensione per le immagini a più livelli (per gentile concessione della DoP slovena Mitja Ličen), dove ogni inquadratura contiene dettagli significativi sia sullo sfondo che in primo piano. Mentre Fehmiu e Bogdanović eccellono nei loro ruoli, i giovani attori, per la maggior parte principianti, caratterizzano con precisione i loro atteggiamenti giovanili. Anche se Bajrović sembra esagerare all'inizio del film, ci rendiamo presto conto che questo è un tratto del personaggio e non dell'attore.

The Son è una coproduzione della società della Bosnia Erzegovina Dokument, della croata Spiritus Movens, della rumena Luna Film, della slovena Monoo e della montenegrina Cut Up, con la partecipazione di HBO Europe e Cinema City.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.