email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TORONTO 2019 Discovery

Recensione: Pompéi

di 

- John Shank e Anna Falguères dirigono una storia crepuscolare di amore folle con protagonisti Garance Marillier e Aliocha Schneider

Recensione: Pompéi
Aliocha Schneider e Garance Marillier in Pompéi

In una regione desertica, Victor (Aliocha Schneider) e suo fratello minore Jimmy (Auguste Wilhelm) sono abbandonati a se stessi. All'interno del gruppo a cui appartengono, il ciclo della miseria sentimentale sembra eterno. Quando Victor si innamora di Billie (Garance Marillier), una ragazza che sogna una storia d'amore, per Jimmy le cose iniziano lentamente a cambiare.

Con Pompéi [+leggi anche:
trailer
intervista: Anna Falguères e John Shank
scheda film
]
, presentato al Festival di Toronto nella sezione Discovery, John Shank e Anna Falguères realizzano un racconto crepuscolare, un'astrazione tanto arida quanto romantica, illuminata dall’amore folle che travolge due ragazzi perduti di una civiltà in rovina. È un mondo di assenze – in particolare quella dei genitori – e di desolazione quello che ospita le tormentate anime di Pompei, un mondo oppresso dal caldo, dominato dai tramonti. Un mondo fuori dal tempo e dallo spazio, impossibile da individuare o datare, ma in declino. Un mondo che ospita la storia d'amore di due esseri ridotti in schiavitù da una società soffocante, che si libereranno a vicenda. Oppure no.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Attraversato da questa storia d'amore folgorante, il film segue sullo sfondo il viaggio iniziatico di Jimmy, il fratello minore di Victor, l'innamorato. Perso in un mondo senza altri punti di riferimento che il simulacro della mascolinità proposto dal gruppo, cerca il suo posto, la sua direzione.

Il film costruisce scena dopo scena, attorno a questa semplice storia d'amore e alla pericolosa estate di Jimmy, un universo intenso, bello e angosciante, grazie sia alla fotografia di Florian Berruti che alla scenografia che contribuisce a creare la misteriosa atmosfera intorno a questa comunità di ragazzi perduti.

I due protagonisti del film sono incarnati da una coppia di giovani attori promettenti, a partire dalla giovane Garance Marillier, la rivelazione di Grave di Julia Ducournau, che dona la sua intensità selvaggia al personaggio di Billie. Al suo fianco, il musicista e attore franco-canadese Aliocha Schneider. Proveniente da una famiglia di artisti – conosciamo tutti suo fratello Niels Schneider – ha lavorato in molti film e serie in Canada, e ha fatto parte della prestigiosa selezione Rising Stars del Festival di Toronto.

Accanto a loro troviamo il giovane attore francese Auguste Wilhelm, così come Vincent Rottiers, recentemente visto in Un ange [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Koen Mortier
scheda film
]
e Sauver ou périr [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
.

Pompéi è il secondo lungometraggio di John Shank, dopo L’Hiver Dernier [+leggi anche:
trailer
intervista: John Shank
scheda film
]
, uscito nel 2011 e presentato alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia. Lo ha co-scritto e co-diretto con Anne Falguères. Scenografa, ha realizzato le scenografie di oltre quindici film. Quelle di L’Hiver Dernier, appunto, ma anche di Nue Propriété [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e A perdre la raison [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Joachim Lafosse
scheda film
]
di Joachim Lafosse, di L’Avenir [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Mia Hansen-Løve
scheda film
]
e Eden [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Charles Gillibert
intervista: Mia Hansen-Løve
scheda film
]
di Mia Hansen-Love, e più recentemente di Duelles [+leggi anche:
recensione
intervista: Olivier Masset-Depasse
scheda film
]
di Olivier Masset-Depasse.

Pompéi è prodotto da Tarantula e coprodotto da Good Fortune Film (Francia) e micro_scope (Canada). Il film è venduto a livello internazionale da Jour2fête e sarà distribuito la prossima primavera in Belgio da Cinéart.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.