email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TORONTO 2019 Special Presentations

Recensione: Judy

di 

- Grazie alla performance da star di Renée Zellweger, il film biografico su Judy Garland diretto da Rupert Goold spicca il volo

Recensione: Judy
Renée Zellweger in Judy

Il regista due volte vincitore del premio Olivier Rupert Goold non è ancora riuscito a trasferire sul grande schermo la qualità che ha reso le sue produzioni teatrali così magnetiche. Il problema è che i suoi film sembrerebbero funzionare meglio sul palco. È il caso anche di Judy [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, film biografico su Judy Garland che ruota attorno a una Garland di mezza età che si esibisce sui palchi di Londra nel disperato tentativo di riaccendere le vecchie glorie. Il film è stato proiettato nella sezione Special Presentations del Toronto Film Festival. Successivamente, sarà tra le proiezioni di Gala al Zurich Film Festival, prima della sua distribuzione globale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
LIM Internal

Ci sono dei parallelismi tra l’alterna carriera di Garland e quella dell'attrice che qui la interpreta, Renée Zellweger. Quando Zellweger interpretò per la prima volta Bridget Jones e recitò in Jerry Maguire, era uno dei volti più famosi al mondo. Poi ha perso un po' di terreno, i ruoli in grandi produzioni si sono diradati e i tabloid hanno cominciato a parlare più del suo aspetto che del suo lavoro. Quindi Zellweger sa cosa ha attraversato Garland, e la interpreta alla fine della sua carriera in modo magnetico. C'è una possibilità più che buona che questo ruolo possa portarle una nomination all'Oscar come miglior attrice. 

Il film è diviso in due parti: la disgrazia di essere un attore bambino e la disgrazia di non esserlo più. Scegliendo di girare scene sulla strada di mattoni gialli e ai concerti di Londra del 1969, l'azione coincide perfettamente con l'80° anniversario dell'uscita di Il mago di Oz e il 50° anniversario della morte di Garland.

Gli anni della star bambina sono raccontati in flashback. In queste scene, Garland (nata Frances Gumm) è incarnata da Darci Shaw. È una vita miserabile quella lontano dalle telecamere. I produttori costringono Garland a seguire una dieta rigorosa e le vengono somministrate delle pillole per rimanere magra. Anche gli appuntamenti galanti sono vietati, nonostante lei flirti con il collega Mickey Rooney. Ci sono alcuni cenni al fatto che sia stata molestata.

Al momento in cui l’incarnazione dell'attrice di mezza età passa a Zellweger, Garland sta passando dal suo quarto al quinto matrimonio. Il corteggiamento di Mickey Deans (Finn Wittrock) è un aspetto mal gestito del film. La sceneggiatura di Tom Edge è un adattamento della pièce di Peter Quilter End of the Rainbow. Alla fine arrivano le canzoni classiche e alcune sono cantate per intero, una decisione che funziona meglio sul palco che sullo schermo. È un periodo triste: è senza i suoi figli e si sente sola, sapendo che nessun regista la vuole, e le riserve di liquidità si sono esaurite. La malinconia si riflette nel vuoto della sua camera d'albergo. C'è qualche apparizione nei talk show e una lotta costante con la dipendenza da alcol.

I suoi momenti di felicità arrivano quando è lontana dal lavoro. Dopo un concerto, accetta l'invito di una coppia, interpretata brillantemente da Andy Nyman e Daniel Cerqueira, di andare a casa loro per cena, dove cucina per loro. Questo porta a una trama secondaria sulla prigionia degli omosessuali, e sembra che i cineasti l'abbiano inserita per soddisfare il popolo gay per il quale Garland rimane un’eroina, ma anche per fornire alcuni momenti di sollievo tanto necessari.

È un film sorprendentemente oscuro per essere un biopic musicale, ma Zellweger è una luce brillante, un one-woman show di un’artista determinata ad essere felice.

Judy è prodotto dalle società britanniche Calamity Films, Pathé Productions, BBC Films e Ingenious, e dall’americana Twentieth Century Fox. Pathé International cura le vendite internazionali.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.