email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ARRAS 2019

Recensione: Free Country

di 

- Christian Alvart rivisita efficacemente il film spagnolo La isla minima immergendo due investigatori in acque agitate, in una Germania appena riunificata

Recensione: Free Country
Trystan Pütter in Free Country

"Non mi piace questo posto, succedono cose strane qui". Siamo nei dintorni di Löwitz, non lontano dalla laguna di Szczecin che funge da confine con la Polonia, e in particolare nell'ex territorio della RDT, un dettaglio essenziale al centro della trama di Free Country di Christian Alvart, la cui azione si svolge nell'autunno del 1992, quindi solo due anni dopo l'ufficializzazione della riunificazione tedesca. È quindi al crocevia della grande Storia e di una geografia porosa che favorisce traffici e misfatti criminali che si immerge il nuovo film del regista di Antibodies e della serie Dogs of Berlin. Un poliziesco presentato in prima internazionale in concorso al 20° Arras Film Festival, che è anche un remake ben riuscito, al contempo fedele e molto diverso, dell’apprezzato La isla minima [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alberto Rodríguez
scheda film
]
dello spagnolo Alberto Rodriguez (che aveva scritto la storia originale con Rafael Cobos). Perché se gli ingredienti di base sono gli stessi (due poliziotti antagonisti che indagano sulla scomparsa di alcune ragazze in un territorio in un luogo governato da forze inafferrabili), Christian Alvart e il suo co-sceneggiatore Siegfried Kamml hanno inventato una ricetta sufficientemente personale affinché la loro rilettura tedesca si riveli elettrizzante quanto la loro fonte di ispirazione spagnola.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Patricia e Nadine, due sorelle di 17 e 16 anni con la reputazione di ragazze facili, sono scomparse da due giorni. Sono state viste per l'ultima volta mentre entravano in una Golf, di notte, alle porte della città dove era in corso la fiera annuale. Questo è il punto di partenza dell’inchiesta affidata a Patrick Stein (Trystan Pütter) e Markus Bach (Felix Kramer), inviati sul luogo e uniti per l'occasione. Per il primo, di personalità piuttosto discreta, questo caso è una specie di punizione poiché è stato inviato nell'Est del paese come rappresaglia dopo l'arresto del fratello del boss per qualche grammo di cocaina ("a volte ho impressione che l'intero grado superiore sia corrotto"), e si trova lontano dalla moglie prossima al parto. Il secondo, corpulento bevitore dalla lingua lunga, non nasconde la sua animosità verso le conseguenze dell'unificazione ("voi, dell'Occidente, acquistate la nostra terra, a noi poveri dell’Est, con i soldi del crimine"). Ma sono entrambi poliziotti e, nonostante le relazioni burrascose ("i tuoi metodi della Stasi") e gli interrogatori che portano a piste diverse, scopriranno che un serial killer opera nella regione dalla caduta del muro di Berlino e probabilmente già da molto tempo prima...

Cadaveri, immagini erotiche inquietanti, contrabbandieri di ecstasy, minacce, medium che parlano con i morti, uccelli del malaugurio, capanno di caccia sospetto, intercettazioni telefoniche non autorizzate, pesanti segreti del passato, giovani donne che sognano un altrove e facili prede, ecc. È come una profonda infezione generalizzata che si infiltra nei pori dell'indagine, con sullo sfondo un clima sociale teso in un contesto di deindustrializzazione (minaccia di sciopero, i lavoratori polacchi che accettano di lavorare a un terzo dei salari). Una combinazione di pressione e stranezza che Christian Alvart mette in scena in modo efficace, ben aiutato dal suo duo di attori principali e dalla musica ansiogena di Christoph Schauer.

Prodotto da Syrreal Entertainment, Free Country è coprodotto da Telepool che lo lancerà nella sale tedesche il 9 gennaio 2020. Le vendite internazionali sono guidate da Global Screen.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.