email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FILM / REVIEWS Italia

Recensione: 18 regali

di 

- Dalla storia vera di Elisa Girotto, madre in fin di vita che lascia a sua figlia neonata un regalo per ogni compleanno futuro, Francesco Amato realizza un’emozionante avventura metafisica

Recensione: 18 regali
Benedetta Porcaroli (e sullo sfondo Edoardo Leo e Vittoria Puccini) in 18 regali

Quando la storia di Elisa Girotto sbarcò su stampa e web, fece il giro del mondo e attirò l’attenzione di numerose produzioni estere, perché una vicenda così bella e coinvolgente non poteva non diventare un film. Ma è a Francesco Amato (Lasciati andare [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, Cosimo e Nicole [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) che il marito di Elisa, Alessio Vicenzotto, ha deciso infine di affidare il racconto al cinema della straordinaria parabola di sua moglie che, mentre era incinta, scoprì di avere un male incurabile e sapendo che non avrebbe mai visto sua figlia crescere, decise di accompagnarla fino alla maggiore età lasciandole un regalo per ogni suo compleanno. Così è nato 18 regali [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, al quale Vicenzotto ha collaborato in sceneggiatura: un dramma straziante ma anche una straordinaria celebrazione della vita che reinventa il fatto di cronaca immaginando l’incontro tra questa madre e sua figlia, in una sorta di terza dimensione dove convivono presente e passato.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Peggy Sue si è sposata e Ritorno al futuro sono tra i riferimenti immediati di questo film che rimanda alla provincia americana anche nella sua ambientazione, un quartiere di villette a schiera unifamiliari e con giardino da cui la giovane protagonista vorrebbe solo scappare. Anna (Benedetta Porcaroli, star della serie Netflix Baby) vive il giorno del suo compleanno come un trauma perché corrisponde all’anniversario della morte di sua madre, e perché quei regali che la donna le ha lasciato da scartare ogni anno sono diventati una presenza ingombrante. Il giorno del suo diciottesimo compleanno si rifiuta quindi di aprire quell’ultimo pacco e, dopo un acceso litigio con suo padre Alessio (Edoardo Leo, in sala anche con La Dea Fortuna [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Ferzan Ozpetek), se ne va di casa furiosa e viene investita da un’auto. Ed ecco lo switch: Anna si ritrova catapultata nel 2001 e a soccorrerla è proprio lei, Elisa (Vittoria Puccini - Baciami ancora [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, The Place [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
), il giorno stesso in cui ha appreso della sua grave malattia.

Dopo lo smarrimento iniziale, Anna decide così di introdursi nella casa e nella vita di Elisa (lei ovviamente ignara di chi sia in realtà quella misteriosa ragazza), per conoscere finalmente sua madre e rimanerle accanto fino al giorno del parto. Pur avendo due caratteri completamente diversi, le due donne si legano l’una all’altra. Anna può finalmente confrontarsi con sua madre da tipica adolescente quale è, alternando accessi di affetto e rabbia, e infine fare pace con la sua assenza; Elisa impara che la vita dei figli può essere programmata fino a un certo punto e che bisogna lasciarli camminare con le proprie gambe. Il tutto in un crescendo emotivo che non nasconde le lacrime e la progressiva disperazione dei personaggi in vista del triste epilogo, ma che riesce comunque a risultare rispettoso della storia originale, e non ricattatorio o patetico. La sceneggiatura, firmata da Amato, Vicenzotto, Massimo Gaudioso e Davide Lantieri, è solida, e la vicenda parla di sentimenti talmente universali che non stupirebbe vederla ripresa all’estero per qualche remake.

Prodotto da Lucky Red con 3 Marys Entertainment e Rai Cinema, 18 regali esce nelle sale italiane il 2 gennaio con Vision Distribution.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.